Nocciole, le organizzazioni chiedono la revoca dell’ordinanza al comune

L’ordinanza risulta  in evidente contrasto con le disposizioni Nazionale e Regionali, entrambe ispirate alle normative comunitarie.

686
nocciola

Le maggiori Organizzazioni di Produttori di frutta in guscio ( ASSOFRUTTI, AGRINOLA , COOPERNOCCIOLE, ECOLAZIO, ) tramite il loro legale, hanno chiesto al Comune di Gallese la revoca dell’ ordinanza n. 20 de 18.04.2018 avente ad oggetto disposizioni di divieto, di uso e detenzione di prodotti fito- sanitari nell’ ambito del Comune di Gallese.

L’ordinanza risulta  in evidente contrasto con le disposizioni Nazionale e Regionali, entrambe ispirate alle normative comunitarie.

Contemporaneamente le OP del Viterbese, al fine di evitare contenziosi legali e incomprensioni,  hanno chiesto la convocazione urgente di un tavolo tecnico per un confronto chiaro volto a risolvere le varie problematiche.

Le OP, da sempre impegnate nella tutela dell’ ambiente, attraverso la promozione e lo sviluppo delle migliori pratiche colturali volte a migliorare la qualità del prodotto e la sostenibilità ambientale, continueranno a garantire tutte le operazioni possibili per la formazione dei produttori, investendo anche su innovazione e ricerca.

Si legge in un comunicato dell’Ufficio Stampa Assofrutti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui