Massimo Giampieri, coordinatore provinciale, sulle Provinciali chiarisce il pensiero di Fratelli d'Italia. Sul tavolo anche la candidatura di Luca Giampieri

“Non ci interessa mettere una bandierina, vogliamo vincere con un candidato unitario del centrodestra”

112

Difficile districarsi tra le secche e i marosi che in questi giorni sulle Provinciali agitano le tre forze di centrodestra.

Il panorama continua a mutare nel volgere non di giorni ma di ore.

L’accelerazione impressa dalla Lega nel tentativo di smuovere le acque, già agitate, dentro Forza Italia per arrivare in tempi brevi a una decisione per ora non sembra aver sortito effetto.

In tutto ciò qual è la posizione di Fratelli d’Italia?

La risposta arriva dal coordinatore provinciale Massimo Giampieri.

“Ancora si sta tentando, noi ci proviamo fino alla fine, a trovare un accordo di centrodestra unitario. Perché sinceramente ci sembra assurdo avere i numeri e non avere la capacità di aggregare tutti quanti in un unico progetto. Quindi probabilmente entro oggi chiudiamo il discorso, in un modo o nell’altro”.

Non entra in merito alle mosse degli altri gruppi e specifica: “Io parlo per Fratelli d’Italia. Dall’inizio tentiamo perché vogliamo vincere queste Provinciali e cerchiamo di trovare una quadra che ci permetta di essere quelli di centrodestra che prendono più voti di tutti. Chiaramente se si fa un discorso senza mediare non ci si riesce, alternative non ne vedo di vittoria. E’ tutto molto semplice ai nostri occhi, spero che lo sia anche per gli altri”.

Parlando dei papabili del centrodestra alla carica di presidente della Provincia, evidenzia anche il candidato proposto dai meloniani: Luca Giampieri, sindaco di Civita Castellana.

E torna a ribadire: “Noi siamo disponibili per una candidatura unitaria, valutando tutte le ipotesi in campo. Dalla nostra a quella di Giulivi allo stesso Romoli. Non vogliamo piantare la bandierina ideologica, di appartenenza. Preferiamo vincere piuttosto che partecipare per prendere il presidente, diciamo così, di partito. Quindi ci orientiamo fino in fondo su questa linea cercando di convincere anche gli altri, senza accelerazioni perché poi le mediazioni in politica sono sempre necessarie. Spero che tutti lo comprendano”.

Massimo Giampieri conclude affermando: “Pronti a sacrificarci per un’altra candidatura che può essere o l’una o l’altra, non ci interessa. Noi vogliamo fare un discorso unitario. Quindi se dobbiamo cedere la nostra ‘vittoria’ ideologica per vincere le elezioni con il centrodestra noi siamo disponibili. Vediamo se tutti quanti capiscono questa ipotesi, altrimenti chiariremo i motivi per cui non ci si riesce”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui