Stasera davanti al notaio sarà sancita la fine dell'amministrazione Arena

Non solo il Comune, le conseguenze dello tsunami Provinciali le paga tutta la città

130

Una maggioranza, quella del centrodestra a Palazzo dei Priori, mai davvero coalizione.

L’individualismo di alcuni partiti sempre un passo avanti all’interesse collettivo.

L’accordo azzurro-rosso-giallo alle Provinciali ha fatto da detonatore a una realtà comunque pronta a implodere a ogni provocazione e ripicca consumate in seno alla maggioranza.

Toppa su toppa, per oltre tre anni, si è rammendato, ricucito ma senza arrivare a una reale consapevolezza a procedere in maniera corale, da “invincibile armata” come Arena aveva definito la squadra in campagna elettorale.

Al posto del confronto faccia a faccia, tutte le volte che una delle forze di maggioranza riteneva di aver subito uno sgarbo arrivava come reazione uno ‘sgambetto’, meglio se durante un consiglio comunale, o l’esternazione tramite stampa.

Una politica ‘del lavare i panni sporchi in piazza’, che se può sembrare sinonimo di massima trasparenza, è sembrata invece diventare un modus operandi per amplificare il colpo sferrato evitando il confronto diretto.

Ma nonostante la litigiosità pareva che, soprattutto in questo scorcio di quasi fine mandato, si cominciassero a delineare delle progettualità.

Qualcosa è stato fatto, vedi asfaltature in alcuni quartieri, promozione della città, senza dimenticare il sostegno alle famiglie in difficoltà nel periodo buio della pandemia.

Ora però, come nel gioco dell’oca, ci si ferma un giro e nel limbo restano progetti e opere e decine di milioni di finanziamenti extra Comune.

Stasera davanti al notaio sarà sancita la fine dell’amministrazione Arena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui