Notte magica per la Viterbese, battuto in rimonta 3-2 il Pisa

Si gioca allo stadio “Rocchi” l’ultimo quarto di finale della Coppa Italia Serie C tra Viterbese Castrense e Pisa.

187
viterbese

Si gioca allo stadio “Rocchi” l’ultimo quarto di finale della Coppa Italia Serie C tra Viterbese Castrense e Pisa. La gara è a botta secca, prevede quindi supplementari e rigori in caso di parità. I gialloblù arrivano a questo turno dopo aver eliminato, sempre in casa, Ternana e Teramo, mentre i toscani si presentano a Viterbo grazie alle vittorie contro Arzachena e Pontedera. L’aria che si respira allo stadio testimonia la bellezza della partita ma, soprattutto, la accesa rivalità che scorre tra queste due tifoserie. Ecco allora che, vincere, diventa di doppia importanza.

Viterbese Castrense: (3-4-1-2) Valentini; Atanasov, Sini, Rinaldi; Zerbin (dal 82’ Molinaro), Damiani, Cenciarelli (dal 82’ Pacilli), Mignanelli; Vandeputte (dal 75’ Tsonev), Polidori, Luppi (dal 57’ Bismark). A disp. Thiam, Bertollini, Coda, Bismark, Sparandeo, Del Prete, Milillo, Coppola, Pacilli, Artioli, Molinaro, Tsonev. Allenatore: Antonio Calabro.

Pisa: (3-5-2) D’Egidio; Buschiazzo, Masi, Brignani (dal 87’ Benedetti); Meroni (dal 61’ Lisi), Verna, Izzillo (dal 71’ Gucher), Di Quinzio, Birindelli; Moscardelli (dal 71’ Pesenti), Marconi. A disp. Gori, Kucich, Gamarra, Minesso, Lisi, Masucci, Gucher, Pesenti, Benedetti, Lidin. Allenatore: Luca D’Angelo.

Viterbese Castrense-Pisa 3-2

Reti: 44’ Polidori (V), 49’ Moscardelli (P), 79’ Marconi (P), 90’ Atanasov (V), 92’ Pacilli (V)

Arbitro: Daniele Rutella di Enna.

Ammoniti: 45’ Di Quinzio (P), 51’ Zerbin (V), 89’ Sini (V), 92’ Pacilli (V)

Recupero: 0’ P.T; 5’ S.T.

Entrambe le squadre iniziano la partita mettendo grande aggressività, dimostrando così quanto tengono ad avanzare il turno in Coppa. La Viterbese cerca da subito di imporre il proprio ritmo alla partita e crea, infatti, la prima palla gol al 7’: retropassaggio rischioso di Brignani che calibra male la misura di testa scavalcando il suo portiere D’Egidio, reattivo a salvare l’autogol per pochi centimetri. Ancora i gialloblù a spingere al 15’ con la botta da fuori di Polidori, ma essa viene bloccata dal portiere ospite. Un minuto dopo risponde il Pisa sfiorando il vantaggio con il colpo di testa di Moscardelli. Strepitosa parata di Valentini, bravissimo a distendersi e a respingere il pallone. La partita è viva e intensa e le emozioni continuano a fioccare. Al 22’ ci vuole ancora una parata di Valentini sul tiro da fuori di Marconi per evitare la rete del Pisa.

Dopo un inizio favorevole, la Viterbese ha sofferto le avanzate degli ospiti i quali, con il passare dei minuti, hanno alzato il pressing e preso il predominio del gioco, soprattutto a centrocampo. Nel momento di maggior sofferenza, però, i gialloblù tornano a farsi vedere pericolosamente in attacco. C’è sempre Polidori nel vivo delle azioni offensive: prima la difesa del Pisa ribatte miracolosamente una sua conclusione ravvicinata, poi, al 44’, l’attaccante classe 92’ sigla la rete del vantaggio, favorito da un lancio lungo che lo ha mandato a tu per tu con D’Egidio. Freddo Polidori a batterlo con il destro e a portare in vantaggio i suoi. Si conclude così, con il punteggio di 1-0, la prima frazione.

Secondo tempo che comincia sotto il diluvio e vede il Pisa arrivare al pareggio dopo appena tre minuti: Moscardelli trova lo spazio per calciare in porta dall’interno dell’area di rigore e, grazie a una deviazione, riesce a battere Valentini. Nonostante il lampo del pareggio dei toscani, la ripresa si dimostra più equilibrata. Le opportunità per segnare, infatti, arrivano da una parte e dall’altra, soprattutto grazie a una Viterbese più decisa e vogliosa di reagire dopo il gol subito. L’equilibrio continua anche nei minuti successivi, fino a che, al 79’, il Pisa trova la rete del sorpasso con Marconi. Disattenzione difensiva dei gialloblù che si lasciano sorprendere dall’avanzata dell’attaccante ospite, il quale supera Valentini con il destro da buona posizione.

La Viterbese non ci sta e si tuffa all’attacco alla ricerca del gol del pareggio, anche grazie ai cambi offensivi di Calabro che butta nella mischia Pacilli e Molinaro. Il forcing finale premia la squadra di casa che segna la rete del pareggio su azione di calcio d’angolo con Atanasov, proprio al 90’. Due grandissime parate di D’Egidio avevano salvato il Pisa ma nulla ha potuto sul destro potente e ravvicinato del difensore. Ma i gialloblù non si accontentano e continuano ad attaccare. Al 92’, infatti, i ragazzi di Calabro trovano il gol che permette ai leoni addirittura di passare di nuovo avanti, completando una rimonta pazzesca, maturata tutta nei minuti di recupero. Molinaro scatta sulla sinistra, arriva dentro l’area e calcia, D’Egidio dice no ancora una volta ma nulla può sulla respinta corta dove arriva Pacilli, il quale insacca la rete del clamoroso 3-2. Finisce il match con questo punteggio e in mezzo al tripudio totale del Rocchi, entusiasmato dalla rimonta incredibile finale della Viterbese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui