Nunzi (Fdi): “Serve una data certa per le riaperture, le attività economiche sono allo stremo”

136

“Sentiamo da giorni parlare esponenti di governo sulle prossime riaperture, senza indicare, però una data precisa. Come se aprire o chiudere un’azienda si limiti all’accensione o allo spegnimento del pulsanti della luce.
Ne parlano come se fosse una vittoria.
La nostra domanda è: “È stata una vittoria, e lo è ancora, quella di aver tenuto ostaggio la Tuscia e i suoi abitanti dei dati del resto del Lazio, quando qui i contagi sono stati e sono ancora sotto controllo?”
Per noi no! Le aziende sono ormai ai minimi delle forze per colpa di una politica che, da oltre un anno, prende provvedimenti senza una base scientifica e soprattutto per colpa di una politica che non ha mai dato risposte concrete alle aziende che sono state costrette alla chiusura.

Da giorni vediamo manifestazioni nelle piazze romane e nei nodi autostradali dove i lavoratori non chiedono soldi ma solo di tornare a lavorare.
Perché è sul lavoro che si basa la nostra Costituzione e la nostra Nazione.
E senza lavoro non c’è Italia.
Per questo chiediamo al Governo una data certa e soprattutto vicina per le riaperture, in particolare nel nostro territorio, che non ha mai avuto contagi nè da zona arancione nè tantomeno da zona rossa.
Per un imprenditore la programmazione è la base dell’ attività: è impensabile credere che si possa dipendere dai colori che un governo scellerato sceglie dal suo astuccio senza pensare che dietro di essi ci sono famiglie che non ce la fanno più a sopravvivere.
Per adottare provvedimenti concreti non sono bastate le oltre 100 firme raccolte tra gli amministratori del nostro territorio e nemmeno le manifestazioni in piazza per la revoca della zona rossa.
Stavolta pretendiamo risposte celeri che vadano di pari passo con i piani sanitari!”

Claudia Nunzi – coordinatore comunale
Fratelli d’Italia Viterbo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui