Nuove proposte per rilanciare San Pellegrino in fiore

566
san pellegrino in fiore

Tante ipotesi ma ancora nessuna certezza sul futuro di San Pellegrino in fiore, la manifestazione che, per 33 anni, ha colorato di fiori le vie e le piazze dello storico quartiere medievale.

Oggi, 7 febbraio, il sindaco Giovanni Maria Arena incontrerà i rappresentanti del Comune, della Provincia, dell’Università degli Studi della Tuscia, della Fondazione Carivit, della Coldiretti, della Confagricoltura e della Camera di Commercio per fare il punto della situazione, ascoltare le proposte e prendere qualche decisione in merito.

A volte, i piccoli borghi o dei quartieri potrebbero offrire spunti: basti pensare alle meravigliose opere realizzate a Pianoscarano lo scorso anno; alla manifestazione Peperino in fiore di Vitorchiano o alla ormai nota e consolidata ArterRie di Cantalupo in Sabina, dove la cultura si sposa con la bellezza dei luoghi e ogni piazza è dedicata al teatro, alla poesia, all’arte, al balletto, alla musica, in un percorso curato in ogni dettaglio che coinvolge i numerosi visitatori.

Il tutto magari arricchito da fiori, specialità gastronomiche locali, sfilate di moda a tema e promozione turistica.

Senza voler emulare nessuno, Viterbo, quando vuole, sa essere unica, ma le risorse economiche, le idee, l’impegno stavolta dovrebbero dare aria nuova a una manifestazione come San Pellegrino in fiore che, negli ultimi anni, nonostante il lavoro svolto bene da tanti, ha deluso le aspettative dei visitatori.
Sì a nuove proposte per rendere più belle le piazze più caratteristiche e per dare vitalità alla manifestazione.

L’obiettivo è dare possibilità a chi propone progetti interessanti di presentarsi e rilanciare un evento tanto amato dai viterbesi e dai turisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui