Nei prossimi weekend l'Italia si tingerà di arancione, mentre nei feriali è prevista una zona "gialla rinforzata"

Nuovo Dpcm, la riapertura delle scuole slitta all’11. Ulteriori restrizioni in arrivo

122

Si è concluso a notte inoltrata l’ultimo consiglio dei ministri per varare il nuovo Dpcm “ponte” che andrà a regolare le disposizioni valide tra il 7 e il 15 gennaio in Italia. Dopo la divisione in giornate gialle e arancioni che ha caratterizzato il periodo delle festività natalizie, da dopo l’Epifania durante i giorni feriali il Governo ha previsto una zona “gialla rafforzata”, con bar e ristoranti aperti fino alle 18, coprifuoco alle 22 e divieto di oltrepassare i confini regionali salvo comprovate esigenze lavorative, di salute o di necessità.

Nel weekend dell’8 e 9 gennaio e successivi fino al 31 gennaio l’Italia si tingerà invece di arancione, con divieto di varcare i confini comunali.

Definita, dopo tante polemiche, anche la questione delle scuole: elementari e medie riapriranno il 7 gennaio, mentre le superiori torneranno sui banchi a partire da lunedì 11 gennaio, contrariamente a quanto sperato dalla ministra all’Istruzione Azzolina.

Dall’11 gennaio anche alcune regioni potrebbero tornare a cambiare colore, tingendosi di giallo, arancione o rosso a seconda di diversi parametri presi in considerazione: tra questi, l’indice Rt (di trasmissibilità) sarà abbassato a 1 per entrare in fascia arancione e a 1,25 per quella rossa.

Per il momento sembra accantonata l’idea di una zona “bianca”, con palestre, cinema e teatri pronti a ripartire.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui