Occupazione, Cgil, Cisl e Uil chiedono un incontro al sindaco Tedesco

Per i sindacati a partire dalla vicenda Enel e indotto va definito un percorso strategico, condiviso che possa assicurare a Civitavecchia sviluppo e lavoro

171

I sindacati confederali tornano a chiedere un incontro urgente con il sindaco Ernesto Tedesco alla luce delle varie criticità emerse sul fronte dell’occupazione.
“Abbiamo chiesto come Segreterie Confederali del territorio di Civitavecchia un primo incontro al Sindaco
Ernesto Tedesco che servisse – scrivono in una nota Cgil, Cisl e Uil – alle Parti per effettuare un focus
iniziale sulle questioni aperte attinenti il mondo del lavoro e sulle prospettive di sviluppo della Città, alle
prese con una cronica crisi occupazionale e industriale. A partire dalla vicenda riguardante ENEL e indotto va definito in senso più ampio e generale un percorso strategico, condiviso e prospettico che, ognuno nelle proprie prerogative,
possa assicurare a Civitavecchia una pianificazione di sviluppo territoriale ed una valorizzazione delle risorse
coerente con le proprie potenzialità, molte delle quali ancora inespresse. Purtroppo però ad oggi, – proseguono i confederali – nonostante una richiesta scritta di convocazione ed una successiva sollecitazione in
merito, registriamo il disinteresse del neo eletto Sindaco Tedesco ad un primo confronto con le Parti Sociali
che, giustificati ormai i cosiddetti tempi tecnici di insediamento al Pincio, ritengono tuttavia non rinviabile
ulteriormente. Invitiamo dunque, nuovamente,l’Amministrazione Comunale a dare riscontro alla nostra richiesta di
convocazione, certi del fatto che come Organizzazioni Sindacali Confederali siamo in grado di dare il nostro
fattivo e costruttivo contributo al Sindaco per quanto riguarda il mondo del lavoro ed il benessere sociale
del territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui