Oriolo Romano, Fratelli D’Italia chiede le dimissioni dell’opposizione comunale

181

“Nella giornata di lunedì 6 aprile si è consumato l’ennesimo atto tragicomico di una opposizione comunale (o forse meglio chiamarla ex opposizione…) ormai inesistente e senza capo ne coda.”

Si legge su una nota pubblicata sulla pagina Facebook del circolo territoriale di Fratelli d’Italia Oriolo Romano. “Dopo anni di assenteismo e inesistenza programmatica, il voto di ieri in consiglio comunale che ha visto tre quarti dei consiglieri di ‘minoranza’ cambiare casacca e votare insieme alla maggioranza di centrosinistra a favore dell’approvazione del bilancio di previsione finanziario comunale, mette di fatto la parola fine su una opposizione che dal 2016 non è mai esistita. Mai esistita sul territorio, mai esistita nei contenuti.

Non è la prima volta che nel corso di questi 4 anni i consiglieri comunali di minoranza eletti in quella che fu la ‘Lista civica Scelta Comune’, si trovano a votare insieme favorevolmente i provvedimenti intrapresi dalla maggioranza comunale.

La lista è lunga ed elencarli tutti sarebbe riduttivo.

Evidentemente avranno avuto i loro “buoni motivi” di cui i normali cittadini ignorano ovviamente le motivazioni.

Un conto è l’opposizione costruttiva e collaborativa, sopratutto in un momento tanto difficile quanto delicato come quello attuale e di cui per certi aspetti condividiamo l’operato, un conto è andare a braccetto con la politica amministrativo ideologica della maggioranza comunale.

Questa è una situazione non di oggi, ma che parte da lontano e si trascina dall’inizio della consiliatura attuale e quindi è arrivato il momento di uscire allo scoperto e che ognuno si assuma le proprie responsabilità davanti alla cittadinanza.

Riteniamo che la serietà e l’onestà politica non è cosa che appartiene a chi, tramite voto popolare, è stato scelto per essere e rappresentare un’alternativa all’attuale amministrazione comunale e una tale grave mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini traditi nella fiducia che era stata conferita nei confronti di queste persone, imporrebbe tali consiglieri ad un atto di serietà e responsabilità rassegnando in blocco le loro dimissioni.

Come forza politica presente ed attiva sul territorio comunale crediamo che questo sia un atto dovuto, in quanto tradire la volontà popolare è quanto di più grave possa fare un amministratore che sia di maggioranza o opposizione.

Si fermi questa farsa. Nel rispetto della cittadinanza e delle istituzioni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui