Il manifesto va subito rimosso

Orrore e blasfemia al Macro di Roma! Che prezzo ha la popolarità?

630

sagginiTalvolta si ascoltano persone di una certa esperienza che, di fronte a fatti inusitati, commentano: “Il peggio deve ancora venire”.

Sembra una frase fatta, un modo di dire per non discutere e tagliare lì il discorso, ma quello che è accaduto oggi, conferma nei fatti questa predizione. Infatti, su un manifesto affisso all’esterno del Macro di Roma, Museo di arte contemporanea, (che è finanziato da soldi pubblici) compare una immagine di Gesù Cristo con la scritta in grande che recita “Ecce Homo” seguita da una con carattere più piccoli che aggiunge “Erectus”.

Nell’immagine choc il Cristo in piedi, appare in evidente stato di eccitazione, e davanti a lui c’è un bambino in ginocchio con le mani giunte che prega. Certamente, se lo scopo era quello di attirare l’attenzione di tante persone, chi ha ideato la sconcezza c’è riuscito, ma a quale prezzo? Un prezzo molto alto, se si considera che offende la dignità e il credo, di tanti cristiani che vedono drammaticamente calpestata la loro fede. Vorrei sfidare questi progressisti a tutti i costi, a fare la stessa cosa con Maometto. Scommetto qualunque cifra che non sarebbero capaci di disegnare Maometto, in qualunque atteggiamento offensivo.

Ora però siccome i Cristiani sono cresciuti al detto evangelico del “porgi l’altra guancia”, non è accettabile che vengano offesi in questo modo. Ci associamo a tutte le persone, e a tutte le organizzazioni che chiedono la rimozione del disegno, e chiediamo anche una qualche punizione per gli autori, in modo da scoraggiare certi comportamenti più volgari di una sequela di bestemmie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui