Orte, mancata apertura delle scuole: i genitori scrivono al Prefetto

198
A Orte le scuole sono pronte per partire ma il sindaco Giuliani no.
Questo è quanto emerso nel corso della manifestazione indetta ieri dai genitori per protestare contro il mancato avvio delle attività, piombato sui cittadini come un fulmine a ciel sereno.
Questo, in sintesi, il resoconto del sit-in:
“In seguito alla manifestazione indetta oggi (ieri n.d.r)  un rappresentante dei genitori presenti è stato ricevuto dal Dirigente scolastico.
Il Dirigente ha riferito che il mancato inizio della scuola è stato comunicato formalmente dal Comune con delibera venerdì pomeriggio. La scuola era pronta ad iniziare, tutto era stato predisposto per avviare l’anno scolastico il 14 settembre.
Il genitore ha visto gli adeguamenti apportati alle aule del Fabio Besta per l’ avvio in sicurezza della didattica in presenza.
La settimana scorsa sono stati fatti i corsi di recupero e inaugurato l’ inizio dell’anno scolastico all’Infanzia.
Come deliberato dal collegio docenti nella settimana dal 21 al 25 secondaria di 1 e 2 grado inizieranno con la DAD fiduciosi di poter aprire in presenza il 28, ma questo dipenderà dal Comune.
In settimana sul sito saranno riportati gli orari.”
“Siamo usciti adesso dall’incontro col Sindaco effettuato grazie alla manifestazione fatta stamattina in cui erano presenti molti genitori.
Il Sindaco, affiancato dal Dirigente Comunale Sergio Petrarca, ha dato diverse motivazioni per giustificare l’ordinanza e ha ribadito che in base ad una loro verifica ed analisi presso i plessi scolastici ritengono che le scuole non sono in sicurezza e questo periodo di chiusura verrà utilizzato per la sicurezza e la tutela della salute dei frequentanti la scuola.
La delegazione dei genitori ha affrontato tutti i punti discussi e pur non condividendo le giustificazioni date, ha richiesto con forza al Sindaco la certezza della riapertura di tutte le scuole per il giorno 28 settembre p.v., senza ulteriore proroga dovuta agli stessi motivi, visto che si era paventata anche questa possibilità.
Qualora, per qualsiasi motivo, le scuole non dovessero aprire per quella data, si organizzerà un’ulteriore manifestazione.
Entro domani, comunque partirà una lettera al Prefetto di Viterbo per evidenziare l’illegittimità di tale ordinanza. Inoltre abbiamo chiesto al Sindaco di migliorare la comunicazione e di pubblicare un comunicato ufficiale riguardante l’incontro odierno.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui