Ortona e Civitavecchia unite, nuovo incontro al Mit

Prosegue a passo spedito, dopo lo stop degli ultimi due anni, il cammino per annettere lo scalo di Ortona all’Autorità portuale del Lazio.

220
Civitavecchia e Ortona unite

Prosegue a passo spedito, dopo lo stop degli ultimi due anni, il cammino per annettere lo scalo di Ortona all’Autorità portuale del Lazio. A riprendere in mano il discorso che si era interrotto con l’ex ministro ai Trasporti Graziano Delrio sono stati, da un lato il sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino, dall’altro i due esperti di logistica abruzzesi Nino Nervegna e Euclide Di Pretoro, da sempre convinti sostenitori di questa opportunità di unire Adriatico e Tirreno. Giovedì scorso c’è stato un nuovo proficuo incontro al Mit che ha lasciato soddisfatti sia il primo cittadino che i due esperti di Ortona.

“Ho riscontrato la piena apertura della struttura amministrativa del ministero – ha raccontato Cozzolino – sull’operazione che stiamo cercando di portare avanti. A breve chiederò al Ministro una convocazione per confermare la linea politica riguardo l’operazione che ha come fine ultimo quello di ricomprendere Civitavecchia nella rete TEN-T come porto core e di richiedere alla UE l’attivazione di un nuovo ramo della rete che possa collegare al penisola iberica ai Balcani passando per Civitavecchia ed Ortona. L’operazione porterà la possibilità di intercettare fondi strutturali e di attivare un indotto importante non solo per la nostra città ma per l’intero Paese”.

“Per facilitare il riconoscimento da parte della Commissione europea, – ha aggiunto Nervegna – è opportuno che il Ministro decreti, quanto prima ,il passaggio del porto abruzzesi con i porti del Lazio peraltro già indicato da entrambe le Regioni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui