Palazzo crollato, Allegrini: “Sarà il dirigente Gai a rispondere al Comitato”

Palazzo crollato in via Cardinal La Fontaine, i residenti pretendono delle risposte chiare dall’amministrazione comunale. Soprattutto ora che il Natale si avvicina, e il Comitato di San Pellegrino non accetta di presentare come cartolina ai turisti impalcature, puntelli e roditori che si aggirano per le vie del centro e all’interno dei negozi di alimentari.

Il consigliere del Movimento 5 Stelle Massimo Erbetti ha fatto sue le richieste degli abitanti della zona e questa mattina in Consiglio Comunale ha voluto chiarimenti in merito dall’assessore competente Laura Allegrini. “Il Comitato scrive che, ad oggi, sono state fatte tre ordinanze e due diffide del sindaco dopo il crollo – dice Erbetti – sono state rispettate? E poi, è garantita la sicurezza pubblica e privata? E perché i puntelli e le impalcature sono ancora lì?”.

Quando ormai è passato un anno dal crollo del palazzo, l’assessore ha fornito delle risposte non giudicate soddisfacenti dagli abitanti. “Ci sono persone che non possono neanche usufruire delle proprie abitazioni, assessore – continua Erbetti – e lei deve loro una risposta che non sia soltanto parziale”.

Ma questo, la Allegrini ammette di non poterlo fare.

“Ho girato l’interrogazione al dirigente Gai – risponde l’assessore ai Lavori Pubblici – perché dietro a tutto il discorso ci sono una serie di motivazioni tecniche e non si può procedere in maniera ‘avventata’. Sarà lui, poi, a rispondere ai residenti di San Pellegrini”.

Riguardo invece alle richieste – più che legittime – del Comitato dei residenti, la Allegrini ha chiarito che il Comune è già in azione per cercare di ridurre i disagi tra via Cardinal La Fontaine e via del Gonfalone. “Per quello che mi è dato sapere il Comune ha fatto tutti i passi necessari – continua l’assessore – per ridurre il ponteggio e consentire l’accesso pedonale”.

Secondo lei, poi, il Comitato avrebbe potuto ottenere spiegazioni molto facilmente sul tema. “Il mio numero di cellulare è a disposizione di tutti su Facebook, ma loro hanno deciso di invitarmi per un incontro, al quale – purtroppo – non ho potuto partecipare”.

Ad ogni modo, nell’attesa che il dirigente Gai si pronunci, l’assessore assicura che l’amministrazione comunale sta facendo di tutto per esaudire le richieste dei residenti di San Pellegrino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui