Fabrizio, 39enne, è morto in Messico dopo aver combattuto per settimane la sua battaglia contro il Covid

Paolo Bianchini: “Il cuore di mio fratello non ha retto”

465

VITERBO – “Il cuore di mio fratello non ha retto la nuova infezione. Purtroppo un’ora fa ci ha lasciati”. Grazie per la vicinanza che mi avete dimostrato in questi lunghi giorni”.

E’ tragico l’epilogo del ricovero di Fabrizio Bianchini, in terapia intensiva da circa un mese a Playa del Carmen dopo aver contratto il Covid.

A dare l’annuncio della morte è il fratello Paolo, fondatore di Mio Italia, che si era precipitato in Messico per assistere “Bizio”.

Solo ieri, l’ex consigliere comunale aveva comunicato tramite un post su facebook che la situazione si era aggravata per via di un’infezione subentrata in ospedale. https://www.lamiacittanews.it/bianchini-la-situazione-di-fabrizio-si-e-complicata/

In realtà, il quadro clinico di Fabrizio era andato migliorando di giorno in giorno, tant’è che i medici messicani avevano anticipato alla famiglia che si sarebbe potuto procedere con un intervento di tracheotomia e, quindi, all’estubazione. Poi, purtroppo, un accadimento imprevidibile: l’uragano Grace.

“Per per via dell’uragano Grace, che ha colpito il Messico e sta puntando su New York, le sale operatorie dell’ospedale di Playa del Carmen sono a disposizione dello stato di emergenza”, aveva fatto sapere Paolo, aggiungendo che “i polmoni di Fabrizio stanno migliorando ma fino a che non verrà fatta questa benedetta tracheotomia non potrà essere estubato e svegliato dalla sedazione”. Poi la denuncia: “Sta diventando ridicolo aspettare una settimana per un intervento di 20 minuti. Non lamentiamoci della sanità pubblica italiana che qui siamo al Terzo Mondo mondo in confronto!”.

Tutta la città di Viterbo si era stretta con parole di vicinanza e conforto intorno alla famiglia Bianchini: centinaia i commenti sul profilo di Paolo. Anche adesso, ad una manciata di minuti dall’annuncio, su facebook piovono messaggi di cordoglio e affetto.

Fabrizio aveva 39 anni. “Volevi essere cittadino del Mondo.
Ora compreso il cielo è tutto tuo fratello mio…”, ha scritto Paolo.

Le più sentite condoglianze dalla direzione de La Mia Città News e dalla redazione tutta.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui