Il 2020 sarà un anno di grandi cambiamenti per la città

Parchi, viali alberati, rifiuti. Arena: “L’inizio di una nuova era per Viterbo!”

Questa mattina in conferenza stampa sono stati annunciati moltissimi interventi in tema di Verde Pubblico e Ambiente

Una palestra a cielo aperto nel cuore di Prato Giardino, un nuovo impianto di irrigazione per il parco, un piano regolatore per il verde pubblico di Viterbo – online e sempre aggiornato – e tante aree dove i padroni possono lasciare i cani liberi di correre.
Questo è solo una parte di quello che si vivrà a Viterbo nei prossimi mesi.

A pochi giorni dalla convocazione degli Stati generali nazionali per il Verde Pubblico, anche l’amministrazione comunale di Viterbo dice la sua in tema di Ambiente.
“Sono diverse le linee su cui interverremo – spiega l’assessore Enrico Contardo – e si tratta in particolare di Prato Giardino, il parco di via del Colle a San Martino, i parchi giochi di Viterbo e frazioni, i viali alberati e le aree di ‘sgambamento’ per i cani”.

Gli interventi verranno portati avanti grazie alla collaborazione di grandi professionisti. L’architetto Raffaele Ascenzi si occuperà della riqualificazione del parco di Prato Giardino, dove si prevede la realizzazione di un nuovo impianto di irrigazione da 44mila euro che coprirà le quattro vasche verdi, oltre a un’azione di recupero dell’area giochi.

Il sindaco Arena, l’assessore Contardo, l’architetto Ascenzi e il consigliere Achilli

“Fin da piccolo frequentavo il parco – racconta l’architetto Ascenzi – e sarà bello metterci qualcosa di mio. Cercheremo di rimettere in piedi anche i resti delle statue antiche, abbandonate a loro stesse”. L’assessore Contardo ha aggiunto che a Prato Giardino – già frequentato da molti amanti del jogging – verrà impiantata anche una palestra “a cielo aperto”, con macchinari da esterno, del valore di 20mila euro.

Il prof. Giorgio Balestra, del dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali, sarà invece il responsabile delle alberature. “Ci occuperemo del censimento del verde urbano – spiega Balestra – e realizzeremo anche un database online per tenere sotto controllo le piante, monitorarle costantemente e verificare che non si ammalino”.
Il ruolo di “collante” tra l’università e le società private verrà svolto dallo spin-off “Phydia”, che si occupa di problematiche fito-parassitarie. Presente alla conferenza stampa anche il presidente Vincenzo Tagliavento.

L’architetto Gianni Cesarini sarà incaricato di gestire gli interventi al parco di via del Colle, a San Martino. Da anni l’area vive nel più totale abbandono e degrado. “Nel parco verranno realizzati lavori di bonifica delle alberature per 39 mila euro, decespugliatura, carotatura delle ceppaie lasciate nel tempo – anticipa l’assessore Contardo – oltre allo smaltimento delle costruzioni e dei giochi non più riparabili”.

Da sx: il presidente di Phydia Tagliavento, l’architetto Cesarini e il prof. Balestra

L’architetto Cesarini ha parlato delle aree di sgambamento per cani che verranno impiantate nel parco di San Martino, oltre che a Viterbo e nelle frazioni di Grotte Santo Stefano e Bagnaia. “Questi recinti dove i cani possono essere lasciati liberi di correre sono segni di civiltà – afferma Cesarini – che, ad oggi, ancora non esistevano nel capoluogo”.

Nei mesi scorsi l’assessore Contardo e il consigliere di Forza Italia Matteo Achilli, delegato alle attività sportive, hanno svolto diversi sopralluoghi nei parchi giochi di Viterbo per monitorare la situazione. Il consigliere Achilli ha spiegato che il Comune predisporrà 30mila euro per la riparazione e la messa in sicurezza dei giochi già esistenti e altri 84mila per impiantarne di nuovi. “Durante i controlli ci siamo accorti della totale mancanza di manutenzione della precedente amministrazione – dice Achilli – e serve intervenire per ridare vita ai parchi della nostra città. Vogliamo riportarli in vita, lasciarli a disposizione di bambini e famiglie e non vediamo l’ora”.
Sono previste novità anche vicino allo stadio Rocchi. “Abbiamo comprato dei giochini da installare anche qui – continua il consigliere – in modo che lo stadio diventi un luogo frequentato anche da tante famiglie di viterbesi con i loro bambini”.

Una serie di interventi davvero “massiccia”, quella che l’amministrazione comunale annuncia per il nuovo anno. Per il dottor Eugenio Monaco, dirigente del VIII settore, si tratta della prima vera opera di programmazione per Viterbo. “Finalmente non si guarda più al breve periodo – spiega Monaco – e possiamo essere in grado di prevenire i danni invece che curare”. In questo senso, è fondamentale il lavoro sulle alberature. “Oggi l’albero – a causa di eventi che io definisco ‘paraclimatici’ – è percepito come una fonte di pericolo. Un’operazione di potatura adeguata – continua il dirigente – contribuisce a rendere un territorio più sicuro”.

Cesarini, Balestra e il dirigente Monaco

Il sindaco di Viterbo Giovanni Arena, in chiusura, ha annunciato che la città è in procinto di entrare in una “nuova era”. “Il 2020 sarà un anno di grandi cambiamenti – afferma il sindaco – perché realizzeremo cose mai fatte prima, nel nome del decoro urbano, che è il bene comune ‘principe’ per la socializzazione di famiglie, bambini e animali. Dalle parole si passa ai fatti!”.

Arena ha anticipato che nei prossimi mesi ci saranno importanti novità anche sui rifiuti. “Arriverà il nuovo appalto – continua il primo cittadino – che vedrà il raddoppio dello spazzamento nel centro storico e interventi di manutenzione delle caditoie. Finalmente si programma una città a medio e lungo termine, più pulita e vivibile. E questo porterà Viterbo a salire di molto sulle classifiche della qualità della vita”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui