Senza limiti, inarrestabili. Una saga che potrebbe far invidia ad “Il Signore degli Anelli’, ancora la Asl Viterbo

Parentopoli alla Asl? Il cerchio ora si allarga

Non mancano gli “assembramenti” famigliari, pur essendo vietati in epoca Covid

963

Nella ASL viterbese, spira fortissimo il vento dello strano – mica tanto – intreccio parentale.
Tempi duri per l’Azienda, asservita quasi del tutto al ridanciano odontotecnico Zingaretti ed al Mago dei Cimini, questi ultimi lumiliati dal TAR Lazio che ha clamorosamente annullato l’ordinanza becera, tronfia e legata a chissà cosa, circa l’obbligo vaccinale contro l’influenza negli over 65 e negli operatori sanitari. Ma tornando alla possibile Parentopoli tirata su all’interno della struttura sanitaria viterbese, possiamo dire che è tutto ai limiti dell’incesto, relativo all’assunzione di parenti, diretti o acquisiti, fino a giungere al lavoro congiunto (o vicino) di coppie unite secondo il rito di Santa Romana Chiesa e non solo.

Siamo intervenuti più volte sulla querelle Laboratorio Analisi/Genetica Molecolare: anche se sancito dalla Legge 77 del luglio scorso, mai la dottoressa Maria Assunta Silvestri, che dirige il Laboratorio Analisi, ha rivendicato la esclusività di processare i tamponi per il Coronavirus alla dottoressa Gloria Pessina (compagna di vita del dr. Giuseppe Cimarello), Genetica Molecolare: spesso il silenzio è aureo, ed ecco che la figlia della Silvestri, S.O., viene rapita da una graduatoria di Tor Vergata, era settima, ed assunta come Ingegnere Biomedico (delibera 1680 del 07.08.20), mentre il marito dell’ Ingegnere, E.M., si colloca in Ortopedia a Tarquinia (BUR Lazio n.37 del 07.05.2019).

Tra i nomi del jet set viterbese, ecco spuntare quello di P.L.A., figlio dell’indimenticato ex-DG Giuseppe Maria Aloisio, assunto in radiologia (delibera n. 1795 del 07.09.20) e di B.Z., figlia del Dr. Sandro Zucchi e della consorte Dr.ssa Marina Pesciaroli (a lungo spalla a spalla in Ortopedia a Belcolle) assunta in Ortopedia come da delibera numero 1612 del 31/07/19, e poi comandata a Roma. Il Servizio Personale, retto per un breve periodo – e ti pareva – da un sociologo, ovvero il Dr. Giosuè Giorgio Lomoriello Schiano, oggi in pensione, ha sempre molte filiazioni, abbiamo provato a fare un breve elenco: per esempio, la canepinese ex segretaria di un vetusto Commissario Straordinario USL VT/3, Nazzareno Bonfili, e cioè Giacomina Polimanti, ritrova la figlia, P.D., all’ E-Procurment. Il vero factotum della struttura prima dell’arrivo del Dr. Doganiero, ed ormai in quiescenza, Luciano Ciprini, insieme alla figlia C. non dimentica la nipote C.F., oggi all’Ufficio Legale;. Almena Nasetti, un tempo ad Orte, che stranamente era prima sotto l’egida civitonica, ha il genero Ingegnere, G.C., al Laboratorio di Igiene Industriale di Civita Castellana, peraltro l’ideatore (in sole 72 ore, quasi record) della piattaforma “#andratuttobene” in epoca di crisi-Covid ed in difficile sintonia con gli allora Medici del TOC, ai quali rispondeva sistematicamente alle osservazioni poste: “Attenetevi alle procedure”. Ed infine Nicola Campolongo, amministrativo a Tarquinia, che nella stessa sede ha la figlia. Beh, non male come inizio.

Non ha lesinato impegno almeno “nepotistico” l’ex Direttore di Economia e Finanze, Alessandro Boccolini: oltre ad una figlia agli AA.G.G, da pensionato si compiace dell’einplein, avendo collocato l’altra figlia in Ospedale e la nipote C.D.Z. al protocollo. Il Direttore del Servizio Veterinario e Capo Dipartimento Prevenzione, invece, accoglie a via Cardarelli la nipote, veterinaria SUMAI, S.B.: per suoi legami personali col gestore del canile Quercia Rossa, che ha l’appalto per l’accalappiamento, non potrebbero esserci fattori di incompatibilitá/opportunità?

E proseguiamo trovando F.B., figlio del radiologo Bernardini, assunto allo SPRESAL e così vicino pure alla moglie E.M., assistente sociale. La Medicina Legale è la sede di C.P., cugina di D. O., nipote del sindacalista Mecorio. Il pensionato Ireneo Melaragni, coniugato con l’amministrativa dello SPRESAL T.C., lascia la sorella D.M. al Personale mentre Maria Elena Cianchi, dell’Igiene Pubblica, ha il marito G.P. nella stessa sede e la nipote A. D. P. al cosiddetto Controllo Interno di Gestione. La coordinatrice di “Villa Serena”, V. M., ha ben due figli in Asl: A.M. come assistente sociale, e M.M. presso la UOC Cure Primarie dirette dal Dr. Cimarello. Proprio il Dr. Cimarello che ha un figlio tra la Vigilanza e per un lungo periodo in servizio alla stessa Cittadella.

Non mancano gli “assembramenti” famigliari, pur essendo vietati in epoca Covid: da Canepina E.M, Panunziana di ferro e con la “P” maiuscola, al Controllo Interno di Gestione e la cugina G., che condivide invece la stanza con A. T. e sorella, E.T. , che invece finisce al Governo delle Professioni Sanitarie. Il primario di Ostetrica e Ginecologia, fresco Capo di un Dipartimento, Dr. Giorgio Nicolanti, a strettissimo contatto con la moglie, Dr.ssa L. P., nello stesso Reparto. Insomma: uno per tutti e tutti per uno, alla faccia di Dumas padre.

Qua e lá per la Tuscia troviamo a Civita R.M.C., assunta come amministrativa allo SPRESAL, in compagnia di mammà, mentre Il pensionato Giancarlo Borzacchi, dello SPRESAL Tarquinia, vede la figlia S. assunta in Medicina all’ospedale della cittadina etrusca. Il Dr. Andreoli ritrova il figlio M.A. all’ E-Procurment.

Aria, aria, aria, dobbiamo respirare. Invocare il caso alla ASL viterbese è blasfemia pura, si rischia la potenziale scomunica. Ed allora, come canta Claudio Baglioni, “Lascia che sia tutto così”.

1 commento

  1. Un grande spettacolo! Sarebbe utile vedere se i beneficiari abbiano pure la tessera del PD!!! C’è da vergognarsi di aver trascorso tanti anni in ambienti intrisi da miasmi nauseabondi: alla larga!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui