Patto d’Amore con la Madonna della Quercia: la tradizione si rinnova

119

Il 13 settembre si rinnova il Patto d’Amore con la Madonna della Quercia

Nel 1417 Battista Juzzante fece dipingere su una tegola il volto della Madonna che depose su una quercia a protezione della sua vigna nei pressi di Viterbo.

La preziosa immagine fu da allora venerata dai viandanti che chiedevano la sua intercessione per ottenere grazie.

L’anno dei miracoli fu il 1467 quando la Madonna, secondo le testimonianze la cronaca del tempo, salvò Viterbo dal flagello della peste.

Da allora, ogni anno, nella seconda settimana di settembre, i viterbesi rinnovano il patto d’amore con la Madonna.

Quest’anno verranno posizionate due lampade votive, che resteranno sempre accese, per ricordare ciò che è avvenuto da febbraio e marzo, nei lunghi mesi del lockdown e durante l’emergenza dovuta alla diffusione del coronavirus, ancora in atto.

A 550 anni dalla fondazione della Basilica, alle 17,30, domenica prossima 13 settembre, si svolgerà alla Quercia una celebrazione senza corteo e senza la tradizionale processione con le Confraternite.

Per tutto il mese di settembre, inoltre, proseguiranno i festeggiamenti in onore della Madonna.

Stamattina, 10 settembre, alle ore 11, nel cortile di palazzo dei Priori, si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione della festa.

Erano presenti: don Massimiliano Balsi, rettore della basilica della Quercia, il sindaco di Viterbo Giovanni Maria Arena, il direttore di Confartigianato imprese Andrea De Simone e la presidente della Pro loco di Viterbo Irene Temperini.

La festa in realtà è già cominciata ieri, 9 settembre, e si concluderà il 20, alle ore 17,30, con i festeggiamenti per i 550 anni dalla fondazione della basilica della Quercia.

Ci saranno due mostre correlate “Arte, storia, cultura e bellezza in mostra nei chiostri”, dal 12 al 27 settembre 2020 e la mostra fotografica di Irene Temperini sul lockdown, vissuto dalla comunità della Quercia.

Il 13 settembre, gli sbandieratori del Pilastro accoglieranno i fedeli lungo la scalinata della basilica, ove potranno accedere solo 350 persone.

Verrà poi distribuita un’immagine della Madonna, in occasione del patto.

Un segno di speranza e d’amore in un patto profondo e significativo che si rinnova ogni anno. Anche nel 2020.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui