Aveva in garage un vasto archivio : l’indagine è del 2017

Pedopornografia, imprenditore viterbese condannato: garage pieno di foto e video di bambini

967

Aveva scaricato e archiviato un ingente materiale pedopornografico: un imprenditore 44enne è stato condannato a un anno di carcere con sospensione condizionale della pena. Il viterbese, inoltre, dovrà pagare 1600 euro di multa.

Il collegio presieduto dalla giudice Silvia Mattei ieri ha inflitto la pena all’imputato difeso dall’avvocato Samuele De Santis: “Era un appassionato di pornografia, che scaricava in grande quantità – ha detto il legale davanti alla corte -. Inconsapevolmente ha scaricato anche materiale con minori, ma non ha mai condiviso queste immagini e video con nessuno”.

In aula ha testimoniato il capo del nucleo radiomobile dei carabinieri di Viterbo che ha condotto le indagini, il maresciallo Piergiorgio Scoparo: “Nascondeva nel garage tanto materiale pornografico, con foto e video anche di bambini”. Il ritrovamento di questa sorta di banca dati della pornografia è di due anni e mezzo fa. I carabinieri fermarono il 44enne per un controllo.

In seguito, trovarono sul cellulare foto di bambine nude. Furono perquisite la casa dell’uomo, il garage, il negozio e altri luoghi dove l’uomo poteva aver nascosto del materiale utile all’indagine. L’inchiesta per la procura è stata diretta dal pubblico ministero Stefano D’Arma.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui