Percepivano in modo illecito oltre 65mila euro di reddito di cittadinanza. Denunciati in 7

661

I Carabinieri della Compagnia di Civita Castellana, tramite le Stazioni territorialmente competenti, a conclusione di indagini di iniziativa svolte in collaborazione con il Nucleo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Viterbo, ha scoperto e denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Viterbo, rispettivamente:

– a Civita Castellana, da indagini effettuate dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, un uomo di 59 anni residente a del posto e una donna di 57 anni di Gallese, rispettivamente per aver falsamente attestato la residenza in altro comune e per non aver comunicato l’instaurazione di rapporti di lavoro subordinato;

– a Nepi, i Carabinieri della Stazione, hanno denunciato una donna di 66 anni di origini Filippine e un uomo di 54 anni di origini algerine, entrambi residenti a Nepi, per aver attestato falsamente la composizione del proprio nucleo familiare e non aver comunicato i rapporti di lavoro dipendente instaurati dal congiunto convivente;

– a Vasanello, i Carabinieri della Stazione, hanno denunciato un uomo di 46 anni di Soriano nel Cimino e un uomo di 55 anni di Vasanello, per aver falsamente attestato la composizione del proprio nucleo familiare e per essere entrambi di fatto gestori di attività commerciale risultante ad altri intestata;

– a Faleria, i Carabinieri della Stazione, hanno denunciato una donna di 36 anni del posto, per aver omesso di comunicare che all’interno del suo nucleo il padre percepisce pensione retributiva.

Le somme indebitamente ottenute, complessivamente, ammontano a 65.452,00 euro e, a seguito delle denunce, sono state immediatamente sospese le erogazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui