Pericolosi assembramenti sui treni per Roma, cresce l’allarme contagio

280

Pendolari e coronavirus: cresce l’allarme per la preoccupante situazione in cui sono costretti a viaggiare, ogni giorno, migliaia di persone dirette nella Capitale per lavoro.

Da qualche giorno infatti, è stato eliminato l’obbligo di distanziamento sui posti a sedere che possono essere tutti occupati, permane, invece, quello della mascherina.

Un provvedimento che sta generando pericolose situazioni a rischio contagio.

La scorsa settimana i sindacati hanno chiesto, a tale proposito, un incontro con il Prefetto di Roma. „Bus e metro stracarichi di utenti, dove il distanziamento sociale, fulcro fondamentale delle misure anti contagio, non sembra essere rispettato a dovere.

“Riceviamo giornalmente decine di segnalazioni che riguardano l’eccessivo affollamento sugli autobus circolanti a Roma e sui treni che trasportano i pendolari verso la Capitale”

denunciano i sindacati Cgil Roma e Lazio, Cisl Roma Capitale e Rieti, Uil Lazio.

Un quadro preoccupante che ha spinto i rappresentanti dei lavoratori ad allertare il prefetto di Roma Matteo Piantedosi. “

“Abbiamo chiesto una convocazione. Il rischio di un’incidenza negativa sulla salute dei lavoratori e dei cittadini è alto ed è necessario mettere in campo le opportune contromisure” spiegano i sindacalisti.

“Già da tempo abbiamo chiesto che si incrementi l’offerta di mezzi pubblici per garantire ai pendolari condizioni di trasporto più agevoli, più sicure e in linea con le ordinanze emanate per riorganizzare il settore in funzione delle misure anti-contagio”.

E in attesa di aver un numero sufficiente di mezzi circolanti, la richiesta va anche nella direzione di rivedere gli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali, intervenendo anche sullo smart working.

Riteniamo di fondamentale importanza ripensare l’organizzazione dei servizi e i tempi di vita della città, agendo in sinergia con tutte le istituzioni e i soggetti pubblici e privati – concludono i sindacati – lo scenario che abbiamo di fronte è delicatissimo e a nostro parere richiede il coinvolgimento delle parti sociali per trovare soluzioni che garantiscano la salvaguardia della salute di tutti e che, visto anche l’aumento dei casi nella Capitale, evitino ulteriori elementi restrittivi per la cittadinanza, con conseguenze gravi per i lavoratori e per l’intera collettività”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui