Sorgono nel Parco di Vulci

Perle della Tuscia: la Cascata e il Lago del Pellicone

Questo luogo meraviglioso è stato scelto come set cinematografico in diversi film di rilevanza nazionale, come "Tre Uomini e Una Gamba" o "Non Ci Resta Che Piangere"

790

Circondato da maestose pareti di roccia vulcanica, immerso nella natura più incontaminata, bagnato da un’acqua meravigliosa, ecco sorgere il “selvaggio” Lago del Pellicone, una vera e propria Perla della Tuscia riconosciuta a livello nazionale.

Per raggiungerlo, e raggiungere così anche la visione della cascata annessa a esso, bisogna seguire i percorsi inseriti all’interno del meraviglioso Parco Archeologico di Vulci. Non una perla singola, dunque: pagando a basso prezzo il biglietto d’entrata al parco, potrete vedere molto altro in aggiunta all’incontaminato lago. Bisogna citare a tal proposito il meraviglioso Ponte del Diavolo, che sorge e dà direttamente sull’alveo del fiume Fiora.

La foto utilizzata appartiene al sito web del Parco di Vulci

 

Il Pellicone si forma, attraverso appunto la cascata, dal fiume appena citato, e dunque il sentiero da seguire permette di conoscerne tutto il processo (o percorso) di creazione naturale.

La Cascata del Pellicone

La meravigliosa cascata è alta circa 6 metri, e migliora ancor più un luogo già fuori dal comune di per sé.

La bellezza del luogo è riconosciuta a livello nazionale (e, probabilmente, anche qualcosa in più). Se ne ha prova dalla scelta del sito per fare da sfondo a tante pellicole cinematografiche che avrebbero poi fatto la storia del cinema italiano: il riferimento è a “Tre Uomini e Una Gamba” con Aldo Giovanni e Giacomo, a “Non Ci Resta Che Piangere” con Benigni e Troisi, e ancora a “Il Nome della Rosa” ispirato al grande romanzo di Umberto Eco.

Aldo, Giovanni e Giacomo al Lago:

Come raggiungere il luogo:

Vulci
(01014 Montalto di Castro VT) 

https://maps.app.goo.gl/8hrmDPMGa4EEkQSx7

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui