Perle della Tuscia: la maestosa Rocca dei Borgia a Nepi

Visitare gli interni della Rocca, in particolare durante le rievocazioni storiche, significa viaggiare indietro nel tempo di secoli e secoli

403

A dominare la splendida zona antica del paese di Nepi vi è questa maestosa Rocca, già eretta in pieno Medioevo ma resa come la vediamo oggi solo nel ‘400. E’ con la nota figura storica del Cardinale Rodrigo Borgia che avvennero i lavori fondamentali.

rocca borgia nepi
Da uno scatto di Gabriele Madami ©

Passeggiare intorno e all’interno della fortezza è un’esperienza che riesce a esprimere con elevata potenza tutto il fluire del tempo; vedere le architetture e la distruzione che oggi le pervade fa sentire labili e vani, fa comprendere quanto siamo esposti a un’inesorabile svanire.
E’ osservare tanta grandezza, in particolare, che fa sentire smarriti: un luogo che un tempo deve aver vissuto di così tanto lusso, di così tante passioni, oggi è meta di turismo e le proprie mura non contano altro che un ampio numero di turisti interessati a scattare qualche foto.

rocca borgia nepi
Da uno scatto di Gabriele Madami ©

Solo nel 1300 abbiamo il primo documento che cita un Castello vero e proprio: ciò significa che, perlomeno dal ‘200, questo già esistesse. Tuttavia, come si anticipava, la struttura come è visibile oggi risale ai lavori avviati nel 1479 (in piena età Borgiana), meritevoli di cambiare completamente tutta la forma dell’edificio. I 4 torrioni cilindrici, che svettano agli angoli del nucleo, vennero infatti costruiti tra il 1479 e il 1499. Sono anche gli anni in cui la funzione della Rocca passò, lentamente, da difensiva a residenziale. Gli ambienti sottostanti (tra i quali si segnala una via “sotterranea” che permetteva l’accesso all’abitato) vennero tramutati in cantine. Di questo periodo anche la Porta Borgiana, che chiudeva l’accesso alla città per terminare sul ciglio della forra adiacente a Nepi.

Da uno scatto di Gabriele Madami ©

Tutti questi interventi e molti altri ancora furono affidati ad Antonio da Sangallo, il quale, nello stesso periodo, edificava anche la Rocca di Civita Castellana.

In seguito avvennero altre modifiche meno imponenti. L’età Farnesiana, per il Castello e per Nepi, cominciò nel 1537 con Pier Luigi Farnese. Solo dal XVII secolo ebbe inizio l’abbandono del luogo, utilizzato per motivazioni futili e temporanee.
E’ nel 1977, dopo secoli di abbandono ben visibili dallo stato delle architetture, che la Rocca venne sistemata e resa accessibile.

La visita alla Rocca è consigliata a chiunque e, soprattutto, durante il Palio, quando le ri-evocazioni storiche portano il pubblico indietro fino agli anni dei Borgia con rappresentazioni di teatro dal vivo entusiasmanti.

Dove si trova:

Maps= https://goo.gl/maps/sKPmd4KyHkuQHcxX8

Rocca dei Borgia
Via Porta Romana, 01036 Nepi VT

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui