Perle della Tuscia: le Cascate di Monte Gelato nella Valle del Treja

Le meravigliose cascate situate in un luogo incantevole al confine tra Viterbo e Roma

387
Foto di Fodor Adrian

A differenza dei precedenti episodi della rubrica, quest’oggi tratteremo di un posto tutt’altro che sconosciuto. Situate nella meravigliosa Valle del Treja, al confine tra le città di Mazzano Romano e Nepi, esattamente sulla linea di confine dei territori provinciali di Roma e Viterbo, sorgono le meravigliose Cascate di Monte Gelato, tappa che non può assolutamente mancare all’appello dei luoghi visitati dagli abitanti della Tuscia. A soli 10 minuti dalla (“viterbesissima”) Calcata, la zona può essere meta di una giornata all’aperto e alla scoperta delle bellezze di tutta la provincia viterbese meridionale, in un magnifico itinerario in grado di mostrare, in pochi chilometri, perle come il borgo di Calcata, la Valle del Treja e la Cascata in questione.

Foto di Chiani Simone

Parlando della cascata non possiamo non far riferimento al modo in cui è tenuta: abbiamo avuto sì da criticare l’abbandono delle location negli scorsi episodi della rubrica, ma in questo caso bisogna sottolineare come una corretta politica (da parte di Roma, questo va sottolineato) riesca effettivamente a implementare pulizia e di conseguenza turismo in una zona dalla bellezza eccezionale.

Sul posto è stato anche creato un grande parcheggio a pagamento, che permette, vista la sua matrice economica, di contribuire alla manutenzione del complesso. (E, cosa di non poco conto, di lasciare l’autovettura in una zona sempre controllata!)

Raggiungere il luogo è molto semplice: basta lasciare l’auto nel suddetto parcheggio e fare una discesa ben segnalata (senza alcun intoppo o difficoltà) per circa 200 metri, fino al raggiungimento del bel complesso naturale di Monte Gelato, che comprende non una sola cascata ma varie, in diversi punti e di diverse altezze.

Foto di Chiani Simone

Appena si entra si comprende subito in che luogo ci si viene a trovare: si è catapultati in uno scenario naturale composto di mille colori e vegetazioni, reso ancora più magico dal naturale rumore dell’acqua che scroscia sulle rocce e da una luce che filtra attraverso i fittissimi alberi illuminando il tutto senza creare fastidio (o, d’estate, sensazioni di estremo calore). E’ infatti una riserva dall’alto valore ambientale ed ecologico, della quale si richiede un forte rispetto.

Davanti alle cascate si è formato anche un piccolo lago dall’acqua limpidissima in cui qualcuno, soprattutto bambini, entra per rinfrescarsi. L’acqua è del fiume Treja, uno dei pochi che scorre in direzione opposta a quella del mare, per via delle attività vulcaniche negli ultimi 600mila anni.

In questa zona, ormai conosciuta ai più, sono state anche girate molte scene cinematografiche, come per esempio ne “I Cesaroni“, in “Superfantozzi” o in “Lo Chiamavano Trinità” con Bud Spencer.

Foto di Chiani Simone

Le cascate hanno effettivamente un patrimonio di cui vantarsi e con cui attrarre ogni tipo di occhio: in zona si trova una villa romana del I sec. a.C. e un mulino ad acqua realizzato nell’800, attivo fino a 60 anni fa.

Il luogo prevede anche un gran numero di sentieri, i quali permettono di avventurarsi nei meravigliosi scenari naturali regalati dalla Valle del Treja.

Per concludere, ecco uno sguardo-video anche sul fiume, situato nella Valle del Treja:

Come raggiungere il luogo:

3926024640

https://goo.gl/maps/mZ1Q3y8UkfULC6Pi9

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui