Perle della Tuscia: l’incredibile panorama dalla cima del Monte San Valentino

Vicino Bagnaia si nasconde questa perla d'inestimabile valore: una vista panoramica unica, raggiungibile dopo una breve salita (di circa 25 minuti)

481

Circa 90 metri più basso (713 metri sul livello del mare) del fratello Monte Palanzana (802m) si innalza il Monte San Valentino, a dominare Bagnaia e gran parte della Provincia di Viterbo. La zona più rappresentativa del rilievo è senz’altro quella della Croce, punto d’arrivo di un emozionante sentiero e luce costante nelle notti bagnaiole.

Nella zona della struttura, rifornita energicamente dall’elettricità ricavata grazie a dei pannelli solari ben visibili su una delle rocce in cima, è possibile peraltro godere di un incredibile panorama, perla assoluta nelle terre di Tuscia.

La famosa croce, posta lì per continuare una tradizione contadina ultra-decennale, ha qualcosa da raccontare anche in termini di storia recente: circa 6 anni fa, infatti, fu abbattuta da un fulmine, e per molti mesi rimase inattiva e abbandonata.
Solo grazie agli “Amici del Riccio“, nel maggio 2017, questa venne ri-sistemata e posizionata. Ecco quanto comunicato dall’associazione al tempo:

“La nuova struttura è stata pensata e realizzata per durare nel tempo. Si compone di cinque moduli metallici e svetta a oltre otto metri. […] La croce tornerà a vegliare sulla propria valle.”

Arrivare a godere in prima persona di questo spettacolo, in grado di prolungare la vista addirittura fino al cucuzzolo di Montefiascone (e, in giornate limpide, forse anche oltre), richiede certo un notevole sforzo fisico, che tuttavia, se ben dosato e calibrato, risulta accessibile alla maggior parte delle persone. I sentieri con cui giungere alla sommità sono pochi, e partono sia da Bagnaia (in particolare da Strada Costa Volpara) che proprio dalla Palanzana.

Il più corto (CAI 120H) è quello di cui si trovano le indicazioni in fondo a questo articolo. E’ importante non andare verso sinistra, a metà percorso, per non trovarsi al canile di zona. Da segnalare la presenza di una piccola area ristoro vicino la croce.

Nel percorso si possono incontrare, tra le altre cose, querce, cerri, agrifoglio, pungitopo e ciclamini, oltre che la fauna caratteristica dei boschi.

— Clicca qui per scoprire altri luoghi meravigliosi nella Tuscia —

Alcuni scatti sulla cima:

Come raggiungere il luogo:

Dove lasciare l’autovettura (percorso più breve – circa 25 minuti in salita): 42°25’12.7″N 12°10’05.2″E – https://goo.gl/maps/XishimapyvaSA9qx6

Dopo aver parcheggiato la vettura sul punto appena segnalato, prendere il sentiero segnalato verso sinistra (Est) e proseguire sempre dritti su di esso, senza svoltare mai a sinistra. Il consiglio per facilitare le scelte è quello di prendere, ai bivi, solo i sentieri in salita. Sconsigliato salire in bici.

Coordinate Google Maps Monte: https://goo.gl/maps/gHwAYV9HYtrRbWJi7

01100 Viterbo VT (Bagnaia)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui