Perle della Tuscia: la storica Sala del Mappamondo nel Palazzo Farnese

Un tesoro storico in grado di mostrarci come veniva concepito il mondo 500 anni fa

223
Il planisfero nella Sala

In questa nuova puntata della rubrica sulle perle della nostra terra affrontiamo un particolare di un posto conosciuto davvero da tutti i viterbesi, un posto che senza indugio possiamo accingerci a includere tra i più importanti a livello mondiale se trattiamo di periodo tardo-rinascimentale: ci riferiamo, ovviamente, alla Sala del Mappamondo nel famoso Palazzo Farnese di Caprarola.

Imbattersi in questa sala significa imbattersi in un’idea assoluta che vigeva quando questa è stata edificata e dipinta: si può, infatti, osservare come nel mappamondo venga rappresentato solo il mondo conosciuto allora, con evidenti lacune. Il planisfero è uno dei più famosi dell’epoca e lo era certamente anche in quel periodo: un po’ per la fama dei Farnese, un po’ per la scarsità di documentazioni del tempo sulla geografia mondiale.

Immagine da Flickr

Il Palazzo è stato architettato e portato a principio da Antonio da Sangallo, ma portato a termine da Jacopo Barozzi nel 1575. La sala tuttavia si fa coincidere con l’opera di Giovanni Antonio da Varese, detto il Vanosino (molto famoso nell’Italia centrale), il quale la portò a compimento in soli due anni, iniziando nel 1573. La scelta del pittore fu di Alessandro Farnese: non certo uno che avrebbe accettato chiunque come disegnatore della sua reggia.

Come detto precedentemente, è inevitabile accorgersi di qualcosa che non sembra quadrare, nello sguardo alla mappa: il mondo conosciuto allora (neanche un secolo dalla scoperta dell’America-1492) era infatti circoscritto a una parte ben minore rispetto a quella che sappiamo esserci oggi grazie ai satelliti, e qualche zona della mappa sembra anche essere alquanto confusa, in quanto a dimensioni e coincidenze.

Sul planisfero mancano infatti regioni immense come la Nuova Zelanda e l’Australia (zona in cui appare la scritta “Mare Incognito“) , mentre la Groenlandia viene legata con terra al nord-America; inoltre è presente l’Antartide, fatto alquanto bizzarro visto che essa non fu scoperta almeno fino al 1773: come si poteva, dunque, già esserne a conoscenza? La risposta è nelle teorie ancora non provate: si credeva già da secoli che la “Terra Australis Incognita” dovesse necessariamente esistere per bilanciare le masse terrestri; questa credenza si aveva fin dai tempi di Pitagora e Aristotele, quest’ultimo perché sosteneva che come ci fosse una zona fredda a nord ce ne dovesse essere per contrasto e livellamento anche un’altra a sud.

Per concludere non si può che rimandare chiunque direttamente alla meravigliosa opera d’arte che è questa sala, facilmente raggiungibile e visitabile in poco tempo.

Un video all’interno della Sala:

 

Come raggiungere il luogo:

Villa Farnese
Piazza Farnese, 1, 01032 Caprarola VT

https://goo.gl/maps/rbcvbYuxNNrNRr6Q6

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui