Perle di Viterbo: Palazzo Papale e S. Pellegrino, il quartiere medievale più grande d’Europa

159

Nella rubrica sulle “Perle della Tuscia” non potevano mancare i 2 “monumenti” più famosi della Provincia viterbese: Palazzo Papale e S. Pellegrino. In considerazione della loro notorietà, comunque, si è deciso di parlare di entrambi insieme, riferendo solo le notizie principali.

  • Palazzo dei Papi

Il simbolo della Città di Viterbo, ancor prima del quartiere medievale più grande d’Europa, è il Palazzo dei Papi (o “Papale”). La sua lunghissima storia narra di figure eminenti a livello mondiale e di tocchi artistici unici nel suo genere. Qui si svolse, tra l’altro, il primo e più lungo Conclave della storia cristiana, durato 1006 giorni tra il 1268 e il 1271. Fu sede inoltre della tragica morte di Papa Giovanni XXI, colpito da un’ala dell’edificio staccatasi accidentalmente. Attualmente il complesso edilizio fa parte del Polo monumentale del Colle del Duomo.

La forma che vediamo oggi venne conferita al Palazzo tra gli anni ’60 e ’70 del 1200, per essere poi ristrutturata e dunque lievemente modificata più e più volte, anche recentemente.

Risalta agli occhi la cosiddetta “Loggia delle benedizioni” o “Loggia Papale“, creata per volontà della famiglia Gatti: essa si mostra nella sua incandescenza artistica su Piazza San Lorenzo attraverso un gioco di archi sorretti da graziose colonnine. In realtà anche la parte opposta, quella che dà verso Valle Faul, un tempo era ornata da queste delizie artistiche: accadde purtroppo che nel 1325 quella porzione di edificio crollò, e da allora si optò per mantenerla “libera”, a tutto beneficio del panorama.

I Papi che soggiornarono a Viterbo, dal 1254 al 1281, furono 9. L’ultimo, Martino IV, abbandonò la residenza subito dopo l’elezione per via delle pesanti intromissioni di potenti nelle terre viterbesi.

  • San Pellegrino (quartiere)

Il cosiddetto “quartiere medievale più grande d’Europa” si trova proprio a Viterbo, nel pieno centro delle sue bellissime mura antiche. Tra torri, vicoli, archi, piazzette, strade tortuose e i caratteristici profferli, sembra proprio di ritornare indietro nel tempo.

In realtà, sebbene l’architettura del quartiere venga spesso attribuita in toto al periodo medievale, molte facciate e rifacimenti appartengono ai secoli successivi, in particolare all’età rinascimentale.

Sulla piazza principale, quella che si vede più spesso nelle foto del luogo, detta appunto “Piazza San Pellegrino”, sorgono il Palazzo degli Alessandri, risalente al 1200, la torre Scacciaricci e la chiesa di San Pellegrino, risalente addirittura all’undicesimo secolo; questa è stata ricostruita nel 1889 a spese del Vescovo Grasselli e, colpita dai bombardamenti del 1944, riaperta al culto nel 1951.

In questo quartiere e partendo dalla Piazza principale ci si può perdere in un’atmosfera medievale unica al mondo, ammirando e vivendo i vicoli ancora intatti e ri-scoprendo un’armonia di colori davvero remota rispetto ai nostri giorni.

Da qui si arriva, velocemente, anche al Duomo di Viterbo (Piazza San Lorenzo) con il Palazzo dei Papi.

Fonte: TusciAdvisor

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui