Il 5 settembre la prima tappa della manifestazione

PERSONAGGI E TRADIZIONI DELLA TUSCIA- In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa

357

VITERBO – Il 5 settembre ci sarà la prima tappa della manifestazione “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa”, un ormai tradizionale appuntamento nella Tuscia attraverso un itinerario di fede e natura da Viterbo verso Soriano e poi Vitorchiano fra i  boschi, i castelli medioevali, i sentieri e le cascate, che rievoca l’esilio subito dalla Santa il 4 dicembre del 1250. Ripercorrere le tappe del suo cammino in silenzio fra la natura, permette di riflettere e riscoprire i valori di fede e carità che Rosa ha voluto lasciarci.

Giunto alla sua diciassettesima edizione, il cammino è organizzato dall’associazione Take off, patrocininato dal Comune di Viterbo, dal Sodalizio Facchini di Santa Rosa e della Gramas (Rete delle grandi macchine a spalla e  dell’Unesco, patrimonio immateriale dell’umanità).

I volontari Barbara Bastianini, Silvio Cappelli, Domenico Donato e Fabrizio Viti, con l’associazione Gea, sempre presente a Sant’Egidio, hanno già provveduto a sistemare il primo tratto del percorso, liberandolo da rovi ed erbacce.

In realtà, il cammino di Santa Rosa verso Soriano e poi verso Vitorchiano, fu fatto dalla giovinetta e dalla sua famiglia a piedi nel dicembre del 1250, con il freddo, in inverno:  immaginate la giovane e delicata Rosa, nata senza sterno, che, costretta all’esilio,  dovette raggiungere a piedi  fra i boschi il luogo. Dopo essere tornata a Viterbo, la sua morte avvenne il 6 marzo 1251.

Silvio Cappelli dell’associazione culturale Take off è l’ ideatore e l’ organizzatore dell’iniziativa.

I Cavalieri del soccorso della città di Viterbo assosteranno i partecipanti durante tutto ol percorso e, ad accompagnare il gruppo, ci saranno le guide turistiche Massimo Agneni e AnnaRita Properzi.

Tutte le informazioni relative a questa iniziativa si potranno trovare sulla pagina Facebook “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa da Viterbo” oppure telefonando ai numeri 3281670365, 3334912669 e 3382129568.

Programma completo del cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa

Domenica 5 settembre

Domenica 5 settembre l’appuntamento è fissato per le 8,30 a Viterbo in piazza della Crocetta. Si partirà subito al termine delle iscrizioni. Un percorso a piedi lungo circa 16 chilometri, quasi interamente all’interno dei boschi sui sentieri dei Monti Cimini (molto verosimile a quello compiuto da santa Rosa nel 1250), che da Viterbo porta a Soriano nel Cimino. Il gruppo dei partecipanti partirà, come avvenuto nei nove anni precedenti, all’insegna della pace, della fraternità e dell’amicizia.

Da piazza della Crocetta si uscirà dal centro attraverso via Genova, via Belluno e strada Palanzana. Poco prima dell’eremo della Palanzana si girerà a sinistra per percorrere una strada bianca che, attraversando il Parco dell’Arcionello, condurrà i partecipanti all’attraversamento della strada Romana, all’altezza dei numeri civici 5. Qui ci sarà una prima sosta con un punto di ristoro.

La camminata proseguirà per strada Novepani, fino all’attraversamento della strada provinciale Piangoli, poi si percorrerà la strada bianca che conduce alla sorgente Acquaspasa.

L’arrivo alle sorgenti, attraverso antichi sentieri e mulattiere, è previsto per le 13 circa. In questo luogo esiste un’area attrezzata con panche e tavoli ed è prevista una sosta per il pranzo. Verso le 14 il cammino riprenderà, all’interno del bosco, salendo verso il punto più alto del percorso, rispetto al livello del mare, circa 750 metri di massima altitudine, dopo aver percorso 13 chilometri e 600 metri circa.

L’arrivo a Soriano nel Cimino, attraverso i boschi, è previsto intorno alle ore 16 e il ritorno a Viterbo avverrà con mezzi propri, con bus, o con l’utilizzo del trenino Met.Ro (ex ferrovia Roma Nord).

Domenica 12 settembre

Domenica 12 settembre l’appuntamento è fissato per le 8,30 in piazza Vittorio Emanuele a Soriano nel Cimino. La partenza è prevista al ternine delle iscrizioni. Stavolya il percorso, lungo circa 16 chilometri, si snoderà lungo via Papacqua, via della Stazione, strada del Fosso Sciascia, qui una sosta per la colazione, poi strada del Fontanile, strada delle Sterpeta, con sosta presso l’Azienda agricola Marini, e poi strada del Santarello, strada della Poggiarella, attraversamento del torrente Martelluzzo e all’interno dei boschi che ci porteranno fino a Vitorchiano, tra noccioleti e uliveti, attraversando e visitando anche l’interessante sito archeologico di Corviano. In questo sito è prevista la sosta per il pranzo. Prima dell’arrivo a Vitorchiano sono le chiese di Santa Maria degli Arrotini e di San Michele Arcangelo. Anche qui la giornata si concluderà con il ritorno a Viterbo con mezzi propri, con bus, oppure tramite il trenino della Met.Ro.

Domenica 19 settembre

Domenica 19 settembre l’appuntamento è fissato per le ore 8,30 presso il Palazzo comunale di Vitorchiano. La partenza è prevista appena terminate le iscrizioni. Il percorso si snoderà costeggiando la locale stazione e la linea ferroviaria Met.Ro. ex Roma-Nord, proseguendo per strada Gramignana, dove ci sarà una sosta per la colazione, strada Montecchio, strada Piscine, strada Costa Volpara, strada Romana, via della Palanzana fino ad arrivare in Viterbo. Tempo di percorrenza circa 5 ore, per 15 chilometri circa, con pranzo finale a Viterbo in luogo da definire e fatte salve le prevenzioni anti contagio Covid.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui