Pochi dubbi sull’approvazione del bilancio provinciale, nonostante le astensioni di Lega e Fratelli d’Italia

Questo pomeriggio il voto con il sostegno di Forza Italia, unico partito del centrodestra rimasto in maggioranza

109

Stamani la prima sessione del consiglio provinciale, riunito in seconda convocazione, ha riservato delle sorprese. Anche se alcune erano già state anticipate come l’uscita dal patto di collaborazione tra centrosinistra e centrodestra della Lega.

Fuori dalla maggioranza trasversale, il Carroccio è anche uscito da Insieme per la Tuscia, lista con cui si era presentato alle Provinciali insieme a Forza Italia.

Uscita che è sfociata nella nascita del gruppo Lega Salvini Lazio formato da Matteo Costa e Ombretta Perlorca e nell’annuncio dell’astensione in fase di approvazione del bilancio.

Astensione già preannunciata anche da Fratelli d’Italia (Tuscia tricolore) sempre rimasti saldamente all’opposizione.

A sostenere quindi il presidente Nocchi e a votare per il bilancio, dei partiti di centrodestra resta solo Forza Italia con i due consiglieri Marini e Romoli.

Nessun dubbio su come voteranno i cinque – Delle Monache, Novelli, Palozzi, Postiglioni e Stelliferi – di Tuscia democratica (Pd).

L’unica incognita resta Fabio Valentini di Per i Beni comuni. Ma anche qualora decidesse di astenersi non pregiudicherebbe il risultato finale.

Facendo due semplici conti comunque il bilancio può contare sui voti favorevoli dei cinque dem, dei due forzisti più il presidente Nocchi contro quattro astenuti che potrebbero salire a cinque con Valentini.

Il varo del bilancio pluriennale 2021-2023 dunque è pressoché certo.

Manca solo il passaggio ufficiale questo pomeriggio in aula per sancire l’approvazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui