In crescita esponenziale il flusso di visitatori affascinati dal borgo "lieto e pensoso"

Ponte del 25 aprile, Civita di Bagnoregio si conferma tra le mete più ambite dai turisti

137

“15mila presenze turistiche in questo weekend lungo del 25 aprile, oltre 40mila dall’inizio di questo mese”.

A sottolineare, con giusto orgoglio, il costante flusso di visitatori è il sindaco di Bagnoregio Luca Profili.

Civita di Bagnoregio “lieta e pensosa”, come fu definita da Bonaventura Tecchi, è nell’elenco dei più bei borghi italiani.

Una bellezza che richiama, anno dopo anno, sempre più turisti nazionali e internazionali.

Una ripartenza, dopo la pausa della pandemia, che è ben testimoniata dai numeri registrati sia in occasione del lungo Ponte del 25 aprile che del weekend di Pasqua.

Nei due giorni delle festività pasquali furono 16mila i visitatori, di cui seimila nel solo Lunedì dell’Angelo, che affollarono l’antico ed evocativo borgo.

Dopo aver percorso il ponte ‘sospeso’, Civita di Bagnoregio “lieta e pensosa” svela tutta la sua inalterata bellezza alla curiosità dei turisti che accorrono da ogni parte d’Italia e del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui