Porta a porta, Cozzolino: ”Ci sono stati degli errori”

Alcuni mastelli non sono stati ritirati per errore. I cassonetti rimasti sono pieni specie in periferia. Il Sindaco parla di un servizio migliorabile.

167
Differenziata

Tra alti e bassi prosegue la raccolta differenziata nella zona 1 di Civitavecchia.
Un primo step importante che ha visto il passaggio al metodo di ritiro rifiuti ‘‘porta a porta’’ in una larga fetta della città.
Come prevedibile sono stati molti i disagi, gli ostacoli, i disguidi e gli errori, più o meno piccoli, come ad esempio il mancato ritiro in diverse strade di Civitavecchia ma, nel complesso, il sindaco pentastellato Antonio Cozzolino sembra soddisfatto.
«Che si potesse fare meglio mi sembra un’ovvietà – ha detto nel consueto video settimanale pubblicato sulle pagine dei social network – abbiamo fatto il massimo che potevamo. Csp sta lavorando ad un servizio che non aveva mai fatto, quindi sta migliorando giorno dopo giorno. Ci sono stati dei problemi, alcuni mastelli non sono stati ritirati per errore però ovviamente – ha sottolineato – le vie che sono state dimenticate verranno attenzionate e quindi la cosa sicuramente non si ripeterà».
Dopo il primo giorno di raccolta Cozzolino aveva spiegato che «il polso della situazione l’avremo più chiaro quando tutti i cassonetti saranno rimossi e i mastelli-carrellati esposti saranno in numero maggiore».
In questi giorni si sta procedendo infatti a far sparire tutti i cassonetti stradali; purtroppo in molti casi quelli rimasti sono stracolmi di rifiuti, con scene che niente hanno a che fare con la cultura della differenziata.
Da diversi giorni è cominciato una sorta di abbandono selvaggio da parte di molti cittadini che, evidentemente, non riescono a liberarsi facilmente delle vecchie abitudini.
Anzi, il fenomeno è maggiormente evidente nei quartieri dove ancora il porta a porta non è partito: le zone periferiche stanno diventando delle vere e proprie discariche a cielo aperto. Ci si può trovare davvero di tutto.
Per quanto riguarda la zona centro, comunque, la rimozione dei vecchi cassonetti sta procedendo e per fare una vera e propria valutazione bisognerà attendere che venga completata.
Poi l’appello di Cozzolino: «Invito tutti a separare i rifiuti nella maniera più corretta perché vi ricordo che un errato conferimento porta ad un mancato ritiro, perché portare delle frazioni contaminate ai consorzi di riciclo imporrebbe di dover pagare per smaltire invece di dover essere pagati per la qualità del prodotto da riciclare che portiamo».
C’è molto da aggiustare, sono in molti a lamentarsi, ad esempio, degli orari di conferimento.
Si pensi ad esempio ai gestori di locali notturni che dovrebbero ritirare i mastelli esposti entro le 9 di mattina. Oppure, come già scritto ieri, a persone con difficoltà motorie prive di supporto familiare. Sono tanti gli anziani che hanno lamentato la difficoltà a scendere di casa dopo le 20 per esporre i mastelli e ritirarli in mattina successivo.
C’è poi il fronte mercato dove la Civitavecchia servizi pubblici ha scelto il punto di conferimento in via dei Bastioni 9, dalle 10 alle 13. Alle 12 di venerdì i contenitori della plastica era già stracolmi. Insomma, ci sono ancora molti dettagli da rivedere anche se comunque, come evidenziato dallo stesso Sindaco, si tratta dei primi giorni.
Comunque il ritiro porta a porta va avanti e oggi sarà la volta di imballaggi in plastica e metallo.
Il calendario del ritiro è consultabile tramite l’applicazione per smartphone ‘‘RiApp’’ o sul sito della Civitavecchia servizi pubblici.

Fonte: La Provincia di Civitavecchia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui