Premio Internazionale Arcaista: fuori i vincitori!

Il Movimento Arcaista ha reso disponibile la lista di vincitori dell'edizione 2021 del prestigioso premio culturale

242

Finalmente disponibili i vincitori del Premio Internazionale Arcaista.

“Si è trattato di un evento straordinario, storico sicuramente, in quanto finalmente realizzato effettuando una reale selezione qualitativa di cento artisti su 1265 opere pervenute. – comincia Massimo Stefani, presidente del Movimento organizzatore –
“Reale perché, non essendo stato a pagamento, il comitato selettivo non ha dovuto scegliere tra chi avrebbe accettato di pagare (come avviene per qualsiasi altro evento d’arte), ma tra chi effettivamente meritava di esserci per qualità creativa e messaggio emozionale.
È un evento rivoluzionario perché il Movimento Arcaista vuole rilanciare l’originario messaggio di bellezza insito nel concetto di Arte, oggi fin troppo dimenticato. E per farlo sa che non si possono accettare compromessi, specialmente di natura economica.
Gli artisti vanno tutelati, non spremuti.”

Poi promette:
“E questo è solo l’inizio, perché i nostri eventi sono solo tappe verso una globale consapevolezza.”

I vincitori:

Primo classificato e vincitore assoluto del Trofeo Arcaista Massimo Nesti, con l’opera “Girone dantesco”

Secondo classificato Carmelina Petraroli, con l’opera “Equilibri”

Terzo classificato Maurizio Rapiti, con l’opera “Hayez, un secolo prima di Lucio Fontana”

4° a pari merito e in ordine casuale:
Albertino Spina, con l’opera “Omaggio a Canaletto”
Alberto Melari, con l’opera “Caino e Abele”
Antonella Chiatante, con l’opera “Philia – amicizia”
Carmelo Margarone, con l’opera “Il contadino”
Cesare Pinotti, con l’opera “La battaglia di Anghiari”
Claudio Martusciello, con l’opera “Confidenze”
Emily Maggi, con l’opera “Tributo a Steve McCurry”
Giacomo De Troia, con l’opera “Miserere”
Giuliano Giganti, con l’opera “Francesca”
Stefano Garrisi, con l’opera “Ginella”
Mattia Barbalaco, con l’opera “Ragazza di colore”
Osvaldo Sabene, con l’opera “Gott ist tot”
Primo classificato per la scultura
Stefano Garrisi, con l’opera “Ginella”

Primo classificato per la grafica
Igor Lercher, con l’opera “Business Man”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui