C'è attesa per la premiazione dei vincitori che si svolgerà l'11 settembre

Premio Tuscia Libris, a tu per tu con la presidente Roberta Mezzabarba

325

Grande successo e partecipazione alla seconda edizione del premio internazionale letterario Tuscia Libris. Cresce l’attesa per conoscere i vincitori fra i finalisti.

A pochi giorni dalla cerimonia di premiazione finale, che avverrà l’11 settembre, presso la Sala Conferenze della Provincia, abbiamo intervistato la presidente del premio Roberta Mezzabarba.

Ci potresti fare un bilancio della seconda edizione del premio?

Questa seconda edizione del premio, suddivisa in 4 sezioni, ha ottenuto un grande successo: tantissimi e di valore sono stati i racconti inviati alla giuria, nonostante la difficile situazione sanitaria causata dalla pandemia.

Statisticamente hanno partecipato più giovani o persone adulte?

Hanno partecipato più adulti, soprattutto dai 45 anni in su.

Ha influito su questo il fatto che molte scuole fossero in Didattica a Distanza?

Senza dubbio sì, infatti il termine per la partecipazione al concorso è stato prorogato di 30 giorni, perchè alcuni insegnanti hanno dovuto organizzarsi dopo la ripresa dell’attività didattica in presenza.
Tuttavia, fra Dad, quarantene e programma delle discipline da svolgere, non è stato facile per le scuole organizzarsi per far partecipare gli alunni al concorso.

Verrà pubblicata un’antologia con i racconti inviati?

Sì. È quasi pronta un’antologia di 430 pagine contenente molti dei racconti inviati. In tal modo i testi saranno salvati e potranno essere letti da chi lo desidera. A breve sarà disponibile, dopo la cerimonia di premiazione, il link per acquistare l’antologia e sarà data anche in premio ai vincitori delle varie sezioni.

Come sarà organizzata la cerimonia di premiazione?

La cerimonia avverrà l’11 settembre presso la sala delle Conferenze della Provincia, in via Saffi 49 e, per le norme anticovid e permettere ai 40 finalisti di partecipare con un accompagnatore, sarà divisa in due orari in base alle sezioni: alle 17 e alle 18. Sarà contemporaneamente allestita la mostra personale di pittura di Francesca Sorbera, che ha donato il dipinto Risveglio per la copertina dell’antologia, e un’attrice leggerà le motivazioni delle premiazioni e una poesia dedicata all’anniversario dei 20 anni dal crollo delle Torri Gemelle, attentato terroristico avvenuto l’11 settembre 2001.

Ci sono già idee per l’edizione 2022 del premio Internazionale Tuscia Libris?

Certamente. Si tenderà a mantenere ciò che è stato fatto, che ha riscosso partecipazione e successo, e si aggiungerà una sezione di poesia. La poesia spaventa di più, ma è molto amata e apprezzata da tante persone che esprimono in versi le loro sensazioni.

Tu, che sei ormai una scrittrice amata, conosciuta e apprezzata a livello internazionale, hai qualche consiglio da dare a chi vuole iniziare a scrivere e a chi ha partecipato al concorso?

Ciò che rappresenta un premio non è matematica: un racconto può piacere o non piacere a una giuria, ma non bisogna mai scoraggiarsi o lasciarsi andare alla tristezza se non si vince. Anzi, bisogna cercare sempre di impegnarsi a migliorare, leggere e usare la scrittura come medicina per liberarsi di ciò che si ha dentro. Dedicarsi alla scrittura deve essere un piacere.

Quali sono i tuoi progetti futuri oltre al Premio Tuscia Libris?

Sto completando il mio quarto romanzo sulla figura di Giulia Farnese, che uscirà in primavera, basato su ricerca storica e creatività.
Inoltre, dopo aver perso il mio amato cane, che era con me da quattro anni a causa della leishmaniosi canina, sto per ultimare una storia illustrata per bambini che ha come tema il Ponte dell’arcobaleno dove i nostri amici a quattro zampe vanno, dopo aver lasciato questa terra. Sarà un testo fantastico, ricco di illustrazioni per aiutare i bambini (e anche gli adulti) a superare il dolore dovuto alla perdita dei loro amici pelosi .

Parteciperai all’ iniziativa del 28 e 29 agosto intitolata Arte e cultura a Viterbo, organizzata per il 750esimo anniversario del primo conclave?

Certamente sì. Iniziano a sbocciare iniziative culturali a Viterbo di grande valore e vanno promosse e incentivate per dare lustro alla città. Io ho dato la mia disponibilità a partecipare.

In attesa della premiazione dell’11 settembre, ringraziamo la presidente del premio Tuscia Libris Roberta Mezzabarba per il suo costante impegno per la promozione della cultura, della scrittura e del territorio, non solo nella Città dei Papi e nella Tuscia, ma a livello internazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui