480 i sondaggi già compilati dai cittadini per la campagna promossa dal Movimento Viterbo 2020. Prossimi appuntamenti al Carmine, La Quercia, San Faustino e Piazza San Carluccio

“Prendi parte al cambiamento”, la città che vorrebbero i viterbesi è “pulita, sicura e efficiente”

236

“Prendi parte al cambiamento”, la campagna promossa dal Movimento Viterbo 2020 per farsi raccontare dai cittadini “la Viterbo che vorrebbero” ha già riscosso un ottimo livello di partecipazione, con 480 questionari compilati – di cui 208 cartacei e 272 online – in poco più di due settimane dal lancio dell’iniziativa.

“Una campagna che abbiamo voluto fortemente lanciare nel corso di questa lunga estate 2021 e che ci sta permettendo di fare ciò che ci piace di più, cioè stare a contatto con i cittadini viterbesi”, ha spiegato la leader di Viterbo 2020 Chiara Frontini ieri sera in una diretta Facebook organizzata per fornire i risultati preliminari dell’iniziativa.

Tre le piattaforme di partecipazione pubblica a cui i cittadini hanno già avuto accesso: Santa Barbara, Centro storico e Bagnaia. E in programma ci sono altri 9 appuntamenti, tra cui i prossimi sabato mattina al Mercato del Carmine, La Quercia e sabato 7 agosto prima a Piazza San Faustino e poi a Piazza San Carluccio, per un appuntamento serale “dove cercheremo di avvicinare i giovani, che per noi rappresentano un target fondamentale”, ha aggiunto la Frontini.

Aspetti da migliorare secondo i viterbesi

Passando all’analisi delle quattro domande che compongono il sondaggio, dati dati raccolti fino a questo momento è emerso che i principali aspetti da migliorare in città per aumentare la qualità della vita, secondo i viterbesi (domanda n.1) sono verde pubblico, sicurezza e manutenzione stradale.

Temi da affrontare per la futura amministrazione

Le questioni prioritarie di cui dovrebbe occuparsi la futura amministrazione (domanda n.2) sono invece il decoro urbano e la gestione dei rifiuti, oltre a sviluppo economico e occupazione.

La “sfida” per la Viterbo del futuro

La terza domanda riguarda la sfida, il tema che dovrà affrontare chi governerà Viterbo nei prossimi anni. Per i cittadini dovrebbe trattarsi essenzialmente della riqualificazione degli spazi urbani e lotta al degrado; seguono sviluppo turistico, rinascita culturale e miglioramento dei servizi al cittadino.

“La città che vorresti” in tre aggettivi

L’ultima domanda è “la città che vorresti”, nella quale è stato chiesto ai cittadini di descrivere con tre aggettivi come si immaginano la Viterbo dei loro sogni. Quelli più ricorrenti sono stati “pulita, sicura, organizzata/efficiente”.

La leader del Movimento 2020 ha anche rivolto un appello alla fascia di età più giovane, quella tra i 16 e i 25 anni, affinché compilino il questionario per fornire il proprio punto di vista sulla città. Dai grafici è infatti emerso che la maggior parte dei sondaggi è riferibile alla fascia compresa tra 46 e 55 anni, poi 56-65.

Età dei partecipanti al sondaggio

Un’ulteriore questione riguarda il fatto di specificare se si sia votato o meno in occasione delle ultime elezioni amministrative, quando è stato riscontrato che circa il 40% dei viterbesi non si sia recato ad esprimere la propria preferenza al secondo turno.

Il questionario può essere compilato ancora nei prossimi giorni direttamente online sul sito di Viterbo 2020, in forma anonima o scegliendo di inserire i propri dati personali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui