FdI invita a sostenere la candidata civica mentre il resto del centrodestra sembra orientato sulla candidata Pd

Pro Frontini, pro Troncarelli: arrivano gli endorsement degli esclusi al primo turno

66

Il 26 giugno è dietro l’angolo e nella corsa al ballottaggio delle due candidate – Chiara Frontini e Alessandra Troncarelli – si fanno sempre più pressanti e infuocati gli interventi a favore o contro l’una o l’altra.

Intanto si iniziano a svelare gli orientamenti delle forze politiche che hanno concorso al primo turno delle Comunali di Viterbo.

In campo ufficialmente per la candidata civica Chiara Frontini si schiera Fratelli d’Italia riconoscendo il suo progetto “come alternativo all’alleanza Pd/M5s”, anche se non tutti gli esponenti meloniani sembrano concordi su tale indicazione.

Anche Luisa Ciambella di ‘Per il Bene Comune’, pur non nominandola, sembra descrivere il profilo della candidata civica. Una scelta basata su alcuni punti prioritari, quali acqua pubblica, rifiuti e sanità, – battaglie da sempre nel Dna della Ciambella – che la Frontini ha nel suo programma di governo.

Endorsement per la Frontini, anche se ancora non ufficiale, da parte di Fondazione o quanto meno dal leader Gianmaria Santucci.

Sarebbe invece orientata verso la candidata Pd Alessandra Troncarelli una parte di quel centrodestra che ha sostenuto Ubertini: qualche vertice di Forza Italia e il senatore leghista Umberto Fusco, in netta contrapposizione con le indicazioni del coordinatore regionale Durigon e sembra anche di altri esponenti locali del Carroccio.

Il sistema dei partiti punta all’autoconservazione, guardando più alle opportunità future offerte dalla filiera istituzionale e soprattutto da quella partitica in vista delle prossime elezioni regionali e politiche che alle opinioni dei rispettivi elettorati. E a protezione del sistema si schiera anche il ‘partito’ delle lobby.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui