Recupero culturale e riqualificazione urbana per "riempire i vuoti, principale causa del degrado sociale"

Progetto ‘Viterbo sicura’, Allegrini e Suraci in campo per la sicurezza urbana

67

Progetto ‘Viterbo sicura’. La candidata sindaco FdI Laura Allegrini stamani ha affrontato la questione sicurezza in città.

E per farlo si è avvalsa della grande esperienza dell’ex questore Lorenzo Suraci, in lista come aspirante consigliere.

“Perché in materia di sicurezza nulla può essere improvvisato” afferma la Allegrini che come luogo per la conferenza sceglie l’angolo via Marconi e Sacrario. Nella zona dove sabato scorso si è verificato l’ennesimo episodio di violenza: un ubriaco ha lanciato una bottiglia contro i passanti, rischiando di colpire un neonato nel passeggino.

“La sicurezza è un tema a noi caro” sottolinea la candidata sindaco ricordando il progetto ‘Mille occhi’, promosso anni fa da Fratelli d’Italia, per implementare il numero delle telecamere in città. Prossimamente ne saranno installate un’altra settantina.

Lorenzo Suraci mette a disposizione la sua lunga competenza come questore e dichiara: “I reati diminuiscono ma nei cittadini resta alta la percezione di insicurezza”. Poi stigmatizza: “Personalmente mi sento più insicuro quando trovo buche sulle strade o passo per vie sporche e poco illuminate”.

Secondo la sua esperienza “il presidio fisso o il poliziotto di quartiere può essere un deterrente ma dipende dalle zone”.

E per quanto concerne la videosorveglianza “è valida se le telecamere del Comune sono collegate con la sala operativa della Questura, come fu all’epoca in cui ero questore a Viterbo”.

Ricordando che nello stesso periodo fece installare anche le fototrappole per l’abbandono dei rifiuti ribadisce: “Metto l’esperienza maturata come questore in decenni di attività a Roma, Viterbo e Livorno a disposizione della città”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui