Quando una multinazionale… scavalla lo Stato!

207

Il 23 giugno abbiamo assistito ad una censura da parte della multinazionale statunitense verso “Una nazione”,libro di Simone Di Stefano, con la prefazione dell’europarlamentare leghista Antonio Maria Rinaldi. Un libro-accusa all’unione europea ,che non è stato gradito dai paladini del bene assoluto che hanno scavallato le regole democratiche eliminandolo dal network.

Siamo oggi davanti ad un altro imbavagliamento: Facebook ha infatti oscurato Altaforte Edizioni, una casa editrice indipendente(tra l’altro editrice del libro sopra citato),autodefinitasi sovranista,colpevole di promuovere libri non allineati alle politiche petalose nostrane.

Facebook non è più un semplice social network, ma uno strumento di informazione divenuto fondamentale nella vita anche politica di tutte le nazioni civilizzate, basti pensare a Conte che annunciava le sue conferenze stampa in diretta prima sul social rispetto agli altri enti pubblici nazionali . E’ quindi ormai chiaro a tutti il potere strategico(ed economico) che detiene questa azienda, e altrettanto chiari sono gli interessi celati dietro queste azioni di imbavagliamento mascherate per “rimozioni di materiale inneggiante all odio” ecc ecc : non consentire a chi pensa diversamente e vorrebbe un futuro diverso da quello preimpostato dal globalismo di esprimersi e diffondere la propria opinione sul web.

Facebook,quindi, paladino delle libertà indivuali e dei diritti umani solo quando gli pare e piace. C’è chi dice <>. Purtroppo le cose non stanno esattamente così: è chiaro che per una qualsiasi azienda, organizzazione con qualsiasi finalità o movimento politico l utilizzo di questo canale di informazioni è quasi fondamentale oggi giorno.

Facebook ancora nel ciclone

Essendo questo un canale oramai divenuto internazionale e avendo più risalto le notizie circolanti in esso che,azzerderei, nei tg nazionali,in quanto più veloci ed elevatamente superiori di numero, la multinazionale andrebbe costretta ad assumere atteggiamenti democratici e gli andrebbe vietato,pena ingenti multe e azioni legali importanti, di tappare la bocca a chi gli pare e piace.

Che poi chi gli pare e piace sappiamo essere esclusivamente le organizzazioni politiche e culturali che vanno contro corrente e che vogliono essere squali in un mare di sardine. Scandaloso è poi il silenzio generale della politica che dinanzi a queste azioni, definite da sempre dalla sinistra tipiche del fascismo e di conseguenza del male assoluto,non apre bocca e anzi strizza l’occhio al colosso americano,che agisce incontrollato sulla vita politica delle nazioni mondiali, esercitando un potere superiore a quello dei singoli stati nazionali (sicuramente molto più influente delgoverno Italiano).

“Noi sicuramente adiremo le vie legali e, se necessario, faremo anche causa a Fb”. Lo afferma all’Adnkronos Francesco Polacchi, editore di Altaforte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui