Nonostante siano loro quelli deputati a fare i tamponi, al laboratorio Analisi nessun premio post Covid

Quelli del laboratorio di Analisi “cornuti e mazziati”, ma a Belcolle regna ancora il silenzio

251

Gira che ti rigira, abbiamo scoperta l’ultima propensione dell’Assessore alla Sanitá laziale, il sociologo geometra D’Amato: quella all’ autogol, tanto da far impallidire il celeberrimo Comunardo Niccolai, stopper del Cagliari campione d’Italia nel 1970, che da ‘autogoleador’ professionista fece tremare più volte i rossoblu sardi di Gigi Riva.

Eh sì, perchè in totale antitesi con la Asl di Viterbo (ma si trova nel Lazio o in territorio neutro?) il 17 settembre il nostro sociologo geometra Assessore, circa i test rapidi antigenici, parliamo ovviamente sempre di SARS Cov-2, annunciava l’imminente abilitazione di strutture sanitarie private “autorizzate all’esercizio per l’attivitá di diagnostica di laboratorio con settori specializzati per microbiologia, virologia ed immunologia”.

In pratica siamo alla clamorosa affermazione assessorile circa l’esercizio abusivo di attivitá sanitaria perpetrata dal Laboratorio di Genetica Molecolare dell’Ospedale di Belcolle, ed all’uopo vedasi l’art.8-ter, c.1 e 2, D. Lgs 502/92 et s.m.i.. Diciamo che alla Direzione Generale della Asl nostrana non si sono manco accorti dell’esistenza del D. Lgs. 34 del 19.05.20, poi convertito in Legge N. 77 del 17.07.20, capace di togliere ogni dubbio in merito ai cc. 1 bis ed 1 ter dell’ art.1: solo i laboratori di microbiologia possono processare i tamponi, risultando abilitati.

Anche a Matera è stato precisato, in ordine a fatti da poco accaduti, come la competenza in tale ambito sia esclusivamente del Laboratorio di Patologia Clinica dell’ Ospedale Madonna delle Grazie, eppure la triade al comando dell’Azienda Viterbese non demorde ed insiste indomita. Del resto c’è da dire che la Direttrice del Laboratorio Analisi è rimasta nel tempo stranamente silente ed al proposito c’è da chiedersi perchè: potrebbe spiegare l’apparente arcano la recentissima assunzione di un Ingegnere Biomedico, S.O., pescata al settimo posto di una graduatoria di Tor Vergata, ove DG é la viterbese Frittelli, sorella della senologa (v. delibera n. 1680 del 07.08.20).

Un silenzio, quello della Direttrice del Laboratorio Analisi, che ha penalizzato se stessa (strano, no?) ed i suoi dipendenti, privati anche dei riconoscimenti economici post acuzie Covid che, come da lettera e tabella allegata prot. n. 40378 del 15.06.20, sono invece impropriamente andati al Laboratorio di Genetica Molecolare. Quest’ultimo, non pago, si è sentito in dovere di chiedere un incremento orario per le c.d. “prestazioni aggiuntive” (60€/ora per i Dirigenti Medici, 25€/ora per il comparto) e con un giochino che va avanti da marzo a colpi di delibera (n.1299 del 25.06.20; n.1507 del 24.07.20; 1943 del 23.09.20) a valenza retroattiva, si giunge all’iperbole di 144 ore assegnate a medici e comparto, per il periodo agosto/settembre! Della serie: piatto ricco mi ci ficco!

Insomma, al Laboratorio Analisi siamo veramente al ‘cornuti e mazziati’, come ci rivelano mestamente, ma nessuno fiata e la luce dei potenti domina sul popolo bue.

1 commento

  1. Situazioni da vomito, e se i fatti sono tali, come dimostrano le delibere, qualcuno o qualcuna dovrebbe saltare…. un’ emorragia economica paludata dalla necessitá di…., ma non esiste una Procura della Repubblica nella Cittá dei Papi o solo questi ultimi, che tra un attestato, un diploma, una benemerenza costruiscono Santi, eroi e fenomeni vari ?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui