L'incremento della sicurezza era stato proposto da Bianchini (FdI) lo scorso anno, entro due settimane l'installazione

Rapina in pieno centro, 10 telecamere in arrivo nel cuore di Viterbo entro 2 settimane

288

La rapina in pieno centro, avvenuta martedì ai danni di una donna di 50 anni, ha riacceso l’allarme sicurezza a Palazzo dei Priori, dove il Comune annuncia l’arrivo di nuove telecamere entro pochi giorni.

La volontà di incrementare la sicurezza nel centro storico di Viterbo parte dal capogruppo di Fratelli d’Italia Paolo Bianchini, che aveva proposto già in sede di bilancio l’idea di aggiungere altri “occhi” alla città. Operazione poi rimasta impantanata tra la burocrazia viterbese, ma poi ripresa, come assicura il meloniano.

Le telecamere in arrivo entro un paio di settimane dovrebbero “mettere in sicurezza” il cuore della città, attualmente sguarnito (solo una telecamere in via del Corso, ma è disattivata da anni).

Tre saranno posizione al Corso, una a piazza delle Erbe, una in via Fontanella del Suffragio, due a via Cairoli, una via della Pettinara, una in via Sallupara e una in via San Luca. Aree, per la maggior parte, rese note da recenti aggressioni ed episodi di cronaca nera. Tra tutti si ricordano le aggressioni di via Sallupara, l’omicidio di Norveo Fedeli, lo stupro al pub di piazza Sallupara e i numerosi episodi di criminalità avvenuti in via Cairoli e le sue traverse.

Come era già stato anticipato da una determina pubblicata alla fine del 2019, l’importo complessivo della nuova operazione di sicurezza sarà pari a 23mila euro.

Sull’incremento della sicurezza a Viterbo, operazione votata all’unanimità dalla maggioranza, si era espresso anche il capogruppo della Lega Andrea Micci: “Dieci, nuovi, infallibili, occhi elettronici vigileranno notte e giorno sulle zone del centro storico rimaste finora scoperte”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui