Rave party, nella Tuscia, identificate una cinquantina di persone

129

CIVITA CASTELLANA – C sarebbero anche persone provenienti dalla provincia viterbese, tra i denunciati dalle forze dell’ordine nell’ambito del rave abusivo sventato sul nascere dalle forze dell’ordine la mattina di Pasqua.

Una cinquantina, in totale, sarebbero le persone portate in caserma e identificate dai carabinieri: tra i reati contestati ci sarebbero i invasione di terreni e organizzazione abusiva di eventi.

Il rave era in programma in occasione del  weekend di Pasqua e Pasquetta; secondo quanto ricostruito, gran parte dei partecipanti sembra provenisse dall’Umbria: a Foligno, in particolare, sarebbero stati bloccati e, questo, avevano deciso di prendere l’autostrada e uscire al casello di Ponzano Romano poco distante dal luogo del nuovo appuntamento, individuato nella Tuscia e diffuso sempre attraverso il passaparola sui social.

Si tratta di Ponzano Cave, località di campagna nei pressi del monte Soratte che rientra nei confini del comune di Civita Castellana e a ridosso con Sant’Oreste, in provincia di Roma.

Domenica mattina, dopo alcune segnalazioni, i militari dell’Arma e gli uomini della polizia di stato sono intervenuti riuscendo a bloccare tutto scongiurando il ripetersi di quanto avvenuto lo scorso mese di agosto al lago di Mezzano, dove un giovane aveva perso la vita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui