Regione, accordo per indennità di rischio a personale sanitario. Ugl: “Non basta”

179
medico

Venerdì 10 aprile è stato sottoscritto con la Regione Lazio un accordo di
riconoscimento per l’eccezionale attività svolta dagli operatori del Servizio Sanitario della
Regione. “La firma – dicono congiuntamente Gianluca Giuliano Segretario Nazionale della UGL Sanità e Armando Valiani Segretario Regionale della UGL Lazio – è un fatto positivo ma non risolutivo. Fin dall’inizio dell’emergenza legata al diffondersi del Covid-19 siamo stati in prima fila nel pretendere tamponi e protezioni adeguate per i lavoratori impegnati in questa
durissima battaglia ma anche che la loro abnegazione, il loro sacrificio venissero riconosciuti attraverso la detassazione degli emolumenti dell’intero anno 2020 con una aliquota unica al10% che abbiamo richiesto il 2 aprile scorso in una lettera inviata ai Ministeri dell’Economia,del Lavoro e della salute. Dall’accordo sottoscritto con la Regione Lazio i lavoratori dipendenti appartenenti all’area del comparto e all’area della dirigenza, titolari di contratto di lavoro subordinato delle Aziende e degli Enti del SSR, nonchè i medici in formazione specialistica, i titolari di incarichi libero professionale , i contratti di collaborazione coordinata , in servizio dal 10 marzo 2020 al 30 aprile 2020, e che abbiano coperto almeno 20 turni di lavoro, vedranno riconosciuto un importo unico di 1.000 euro se inseriti nella Fascia A, di rischio elevato, o 600 euro se inseriti nella fascia B (rischio medio) a seconda del riconosciuto livello di esposizione.
Oltre a ciò la Regione Lazio amplierà l’indennità infettivologica prevista dall’art. 86 del CCNL
Area di Comparto a tutti i profili sanitari anche non previsti dalle vigenti disposizioni
contrattuali che abbia svolto almeno una giornata di lavoro presso una struttura Covid. Sono certamente segni di buona volontà ma ciò non può bastare. Il ritorno alla normalità si annuncia lungo e complesso, perché il virus non concede tregue, e gli operatori della sanità hanno già pagato, e stanno continuando a farlo, con deceduti e contagiati. Per questo ribadiamo con forza che per loro vanno varate misure eccezionali di ogni tipo che non possono fermarsi alla sola erogazione di un una tantum”.

Ufficio Stampa UGL Sanità Nazionale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui