Sei gli studenti positivi nella giornata di ieri, di cui due nelle scuole dell'obbligo

Riapertura istituti superiori, Arena: “Troppo presto per valutare l’effetto sulla curva epidemiologica. Il responso tra una decina di giorni”

150
Giovanni Arena
Il sindaco Giovanni Arena

Una curva epidemiologica dall’andamento molto oscillante. E’ sufficiente osservare i dati rilevati da domenica a ieri a Viterbo. Nella giornata di mercoledì i casi di positività sono stati 13 sul totale dei 65 registrati nella Tuscia, martedì 3 su 19, lunedì 13 su 63 e domenica 6 su 34.

Lunedì sono tornati a scuola 13mila studenti degli istituti superiori, scioperi permettendo.

Il rientro ha inciso sulla curva epidemiologica?

Visto che il bollettino quotidiano Asl fornisce i numeri complessivi, senza specificare quelli dei contagi scolastici, abbiamo intervistato il sindaco Giovanni Arena.

“E’ troppo presto – spiega – per una valutazione di questo tipo. Devono passare almeno una decina di giorni dalla riapertura per avere un’idea del trend. A ieri su una popolazione studentesca residente a Viterbo di circa 5000 allievi sono stati individuati complessivamente 30 positivi alle superiori e 40 tra materne, elementari e medie. Nessuno è mai andato in ospedale, tutti curati a casa.

In particolare nella giornata di ieri ne abbiamo avuti 6, quattro alle superiori e 2 nelle scuole dell’obbligo.

Una percentuale infinitesimale se si considera che quando c’è stato il picco massimo siamo arrivati, complessivamente, vicino ai 260″.

“Nelle scuole – sottolinea il sindaco – si osserva scrupolosamente il rispetto delle regole. Gli studenti però hanno molto contestato il doppio turno perché chi entra alle 10 deve pranzare in classe. In più alcuni non riescono a rientrare a casa prima delle 18-18.30, se non addirittura alle 19”.

Un sistema, quello del doppio turno, che offre maggior sicurezza in termini di trasporto pubblico.

E Arena mette sul piatto le due facce della stessa medaglia: “Da una parte c’è il trasporto in sicurezza, dall’altra c’è un disagio enorme specialmente per gli studenti che entrano alle 10”.

Tra una decina di giorni sapremo se almeno sarà servito a contenere i contagi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui