Rieti, sciopero dipendenti Agenzia delle Entrate. L’appello dei sindacati

251
Agenzia entrate
Il 23 gennaio i dipendenti della Direzione Provinciale di Rieti dell’Agenzia delle Entrate si sono riuniti in assemblea dalle 11 alle 13, partecipando alla mobilitazione nazionale scaturita dallo stato di agitazione indetto da CGIL  CISL ULPA UNSA e FLP , resosi necessario per i seguenti motivi:
– Gravi carenze organiche con carichi di lavoro insostenibili, stante il mancato turn over del personale
– Assenza totale di risorse del salario accessorio per gli anni 2018 e 2019
– Permanenza dei vincoli normativi ai fondi del salario accessorio
– Assenza di sviluppo di carriera e di formazione del personale.
Motivazioni pienamente condivise dai dipendenti della Direzione Provinciale di Rieti impegnati quotidianamente sia nell’erogazione ai cittadini dei vari servizi richiesti, sia nel contrasto ai fenomeni di evasione ed elusione fiscale.
Il forte calo del personale che si registra nel triennio 2018 2019 2020, pari a circa un terzo della forza lavoro, si ripercuote inevitabilmente sull’utenza, che vede dilatati i tempi di attesa per l’erogazione dei servizi richiesti. Ne conseguono rischi di esasperazione del clima lavorativo e del rapporto tra i funzionari e i contribuenti.
L’assemblea ha sottolineato che il mancato inserimento di nuovi dipendenti, a fronte dei massicci pensionamenti, rischia di compromettere anche i livelli minimi di servizi. E’ stata evidenziata altresì la delicatezza di alcuni cambiamenti in corso che riguardano adempimenti telematici (come nel caso delle dichiarazioni di successione e di adempimenti catastali) che richiedono spesso un ulteriore sforzo ai dipendenti nel prestare assistenza agli utenti che si recano presso gli uffici.
L’assenza di un Direttore Provinciale a tempo pieno (non ad interim), dovuta alla carenza di dirigenti nelle piante organiche dell’Amministrazione Finanziaria, e del Capo Ufficio Territorio acuiscono le difficolta operative dei dipendenti.
Da ultimo, il mancato rinnovo dei Capo Team, importanti figure di coordinamento  del lavoro quotidiano dei funzionari, rischia di creare ulteriori inefficienze e disservizi.
Il prossimo appuntamento, ovvero occasione per manifestare e rivendicare  la giusta attenzione che merita il personale delle Agenzie Fiscali, è previsto per il giorno 6 febbraio, con un presidio presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze.
CGIL  CISL ULPA UNSA e FLP

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui