La richiesta della consigliera comunale Luisa Ciambella in una lettera aperta al primo cittadino

Rifiuti, Ciambella: “Il sindaco convochi un Consiglio straordinario per discutere dei rischi per l’uomo”

137

Ambiente, rifiuti nelle discariche e rischi per l’incolumità dell’uomo: la consigliera comunale Luisa Ciambella nelle scorse ore ha inviato una lettera aperta al sindaco di Viterbo Giovanni Arena  per chiedere la convocazione di un Consiglio straordinario “per parlare dello studio scientifico pubblicato sull’International Journal of Epidemiology dagli esperti del Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio su ”Morbilità e mortalità delle persone che vivono vicino alle discariche di rifiuti urbani”.”.

“I risultati sono stati illustrati nei giorni scorsi in seduta congiunta delle commissioni regionali Sanità e Rifiuti e, a leggere il resoconto ufficiale della seduta pubblicato sul sito Internet del Consiglio regionale, non sarebbero da sottovalutare affatto”, ha spiegato la consigliera.

Di seguito il contenuto della lettera inviata al primo cittadino da Luisa Ciambella:

“Caro sindaco, mi spiace doverla disturbare mentre è alle prese con la sua estenuante riflessione su chi votare come presidente della provincia il prossimo 18 dicembre, tuttavia è indispensabile che lei intervenga per colmare il suo enorme ritardo e le sue colpevoli omissioni che condivide con il presidente della provincia Nocchi e con l’assessore all’ambiente Giulio Marini sui temi ambientali che riguardano la nostra terra”.

Dopo le proteste di tanti comitati cittadini sono qui per chiedere di inviare a tutti i consiglieri comunali copia dello studio commissionato dalla Regione Lazio e pubblicato con estremo, colpevole ritardo circa lo stato di salute di coloro che risiedono in prossimità delle discariche laziali. Lo studio, commissionato dalla Regione nel 2016 all’interno del National Journal of Epidemiology le cui risultanze sono state rese note solo qualche giorno fa e hanno destato proteste e sdegno da parte di tanti. Il silenzio sulla vicenda in terra di Tuscia.

Lo studio si conclude con i dati del 2008, da cui si evince che vivere a meno di 5 chilometri da una discarica aumenta il rischio di cancro ai polmoni del 34%, mentre il rischio di ricovero in ospedale per malattie respiratorie sale del 5% con maggiori conseguenze sui bambini, eppure – sempre dal resoconto del consiglio regionale – da 5 anni questi risultati allarmanti non hanno prodotto azioni di contrasto da parte delle istituzioni preposte, nel nostro caso visto la vostra colpevole inerzia nel ricevere rifiuti e trasformarci nella pattumiera del Lazio non azzardate immaginare che la situazione non sia migliorata dal 2008. Questi dati sono alquanto preoccupanti ed allarmanti, è quindi indispensabile che Lei convochi un consiglio comunale aperto ai cittadini interessati, alle associazioni ambientaliste e a tutti i portatori di interessi legittimi, per conoscere lo studio e poi affrontare con gli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità del Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio e del Ministero della Transizione Ecologica i provvedimenti da adottare a tutela della salute pubblica.

Signor sindaco, Viterbo ha bisogno di essere governata con autorevolezza ed autonomia”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui