La Regione ci prova di nuovo

Torna l’incubo rifiuti provenienti da Roma. Viterbo, con Frosinone, ancora nel mirino!

Di fatto, come si evince in una nota della Regione Lazio, la città dei papi sembra essere ancora al centro del progetto di supporto allo smaltimento dei rifiuti romani

311
Rifiuti a Graffignano

Il problema dei rifiuti, a Roma, sembra ben lontano dal trovare una soluzione che non coinvolga, necessariamente, gli altri territori della regione. Nelle ultime settimane l’allarme  nella capitale è tornato a farsi sentire e, con esso, anche l’ipotesi di appoggio ad altri territori, in particolare quello viterbese.

Di fatto, come si evince in una nota della Regione Lazio, la città dei papi sembrerebbe essere ancora al centro del progetto di supporto allo smaltimento dei rifiuti romani. Di seguito il testo della nota.

“La chiusura per manutenzione di alcuni impianti ha creato nell’ultima settimana qualche difficoltà ad Ama per il trattamento dei rifiuti urbani di Roma. Nei prossimi giorni, come emerso nella recente riunione tecnica tra Regione, Campidoglio e Ama, riprenderanno le attività gli impianti di trattamento meccanico biologico della Saf di Frosinone e di Ecologia Viterbo, mentre ha già ripreso a lavorare a pieno regime il termovalorizzatore di Acea, che insieme alla disponibilità della discarica di Colleferro, consentiranno a tutti gli operatori del Lazio di avere sbocchi adeguati per lo smaltimento degli scarti prodotti dal trattamento dei rifiuti conferiti da Ama, secondo quanto previsto dal contratto siglato dalle parti.

La Regione Lazio, inoltre, è in attesa di ricevere da Marche e Abruzzo la conclusione dei procedimenti amministrativi per poi approvare in Giunta le rispettive delibere di intesa e formalizzare l’accordo per il conferimento e il trattamento dei rifiuti di Roma. Queste misure dovrebbero scongiurare nuove criticità nella gestione del ciclo dei rifiuti di Roma, ma serve la responsabilità e l’impegno di tutti i soggetti coinvolti per garantire risultati efficaci e soluzioni durature”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui