Il discusso documento alla fine è stato ritirato ma rimangono in vigore le disposizioni della Regione Lazio

Rifiuti, revocata l’ordinanza firmata dalla Raggi! Tedesco: “Vittoria, ma non abbassiamo la guardia!”

322
tedesco rifiuti raggi
Il sindaco Ernesto Tedesco a sx. A dx, il sindaco Virginia Raggi

Dopo tante polemiche e discussioni, sit-in e proteste di ogni genere, il sindaco di Roma Virginia Raggi avrebbero finalmente deciso di revocare l’ordinanza per il conferimento di ulteriori rifiuti romani nella discarica di Civitavecchia di Fosso Crepacuore.

L’ordinanza, subito impugnata dal Comune e dal sindaco Tedesco, che aveva immediatamente alzato le barricata, forte del supporto degli altri sindaci del litorale e dello stesso leader leghista Matteo Salvini, giunge ora al Tar del Lazio con un ricorso. L’udienza per la sospensiva si terrà già oggi pomeriggio.

Restano, tuttavia, operative, le disposizioni della “contro-ordinanza” firmata dalla Regione Lazio e dal presidente Nicola Zingaretti. Secondo tali carte, il Comune di Roma ha i giorni contati per trovare location idonee, all’interno del Lazio, dove trasferire i propri rifiuti in eccesso.

La Regione, starebbe insistendo sulla sua linea iniziale, richiedendo “uno sforzo in più” al territorio al fine di superare la crisi dei rifiuti di Roma. Un’emergenza che potrebbe amplificarsi ulteriormente con l’imminente arrivo delle festività natalizie.

Sulla problematica, il sindaco Tedesco esprime soddisfazione, ma non abbassa la guardia: “La nostra battaglia con­tro i rifiuti di Ro­ma evidentemente è servita a qualcosa, se gli effetti dell’o­rdinanza sono cessa­ti prima della sua scadenza. Ricordo che la sindaca Raggi, dopo la reazione del territorio, si è da­pprima presentata con la fascia al consi­glio regionale chie­dendo la riapertura dell’impianto di Col­leferro. Poi, dopo la nuova manifestazi­one e alla vigilia della discussione pre­sso il Tar del nostro ricorso, ecco che la Città Metropolit­ana, con una nota te­cnica firmata dal di­rettore del diparti­mento competente, di­chiara cessata l’ord­inanza. Forse temeva­no una sospensiva già nel pomeriggio di oggi? Chissà…”.

“Se la Raggi ha batt­uto per ora la ritir­ata, ciò non deve tuttavia farci abbass­are la guardia. Sapp­iamo che c’è è in ap­provazione un piano dei rifiuti in Regi­one Lazio, sappiamo che c’è un’ordinanza della stessa Regio­ne Lazio che impegne­rà ancora il conferi­mento a Civitavecchia fino al 15 gennai­o, quando per giunta chiuderà definitiva­mente Colleferro, e quindi la nostra ba­ttaglia non si ferma. Per questo, ed anzi a maggior ragione, confermiamo la nos­tra manifestazione domani al Campidoglio, con i colleghi Sin­daci del nostro ter­ritorio, in concomit­anza con il consiglio comunale straordin­ario di Roma sui ri­fiuti”, conclude il primo cittadino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui