Rinviato anche il Carnevale: con la pandemia non si scherza!

197
Carnevale

Non si scherza con la pandemia. Il Carnevale, la festa più allegra, scherzosa e coinvolgente dell’anno, è rinviato: dal Brasile a Ronciglione città della Tuscia in cui il Carnevale è particolarmente sentito, da Sciacca, Cento e Putignano, il Carnevale è costretto a mettersi la mascherina per il 2021 e ad andare in letargo.

L’associazione Pro Loco di Ronciglione annuncia che a febbraio non si svolgerà la 330° edizione del corso di Gala dello storico Carnevale, anche se la notizia era già nell’aria.

“Anche per noi arriva il momento delle scelte difficili, quelle che abbiamo cercato in tutti i modi di evitare sperando in tempi migliori – spiega il presidente Tommaso Valeri – ma il crescente peggioramento dell’emergenza sanitaria ci impone l’obbligo di ufficializzare una notizia che oramai sembrerà scontata, ma che per noi non lo era: è rinviata la rassegna invernale del Carnevale storico di Ronciglione, che avrebbe dovuto avere inizio il 31 gennaio con il 330° Grandioso Corso di Gala”.

“Abbiamo atteso fino all’ultimo prima di ufficializzare questa sofferta decisione, auspicando che la diffusione del Covid non pregiudicasse il regolare svolgimento degli eventi. Purtroppo, anche alla luce delle ultime disposizioni governative, sappiamo che non è così. Ci siamo lasciati a febbraio quando abbiamo celebrato il successo dell’edizione 2020, con il virus, ancora sconosciuto ai più, che faceva capolino nel nostro Paese. Allora, forse, eravamo inconsapevoli e ancora un po’ frastornati dalla grande euforia della nostra manifestazione. Oggi in piena pandemia, con una nuova ondata di contagi che si sta rivelando più dura della prima e che sta impattando questa volta tutta l’Italia, siamo costretti a prendere questa difficile decisione.

Dobbiamo fare i conti con un nemico silenzioso, capace di condizionare la nostra vita e soprattutto i nostri momenti di socialità. E abbiamo il dovere di preservare la nostra salute e quella di tutta la comunità”.

La festa ha anche un forte riscontro turistico ed economico e si pensa a una soluzione alternativa fuori dal consueto e canonico periodo dei festeggiamenti che sarebbero dovuti iniziare il 17 gennaio, come da tradizione.

Per quel periodo niente maschere, ma solo mascherine, nella condapevolezza però che nessun virus potrà mai distruggere una tradizione radicata e importante e sperando di poter festeggiare il Carnevale in una nuova e diversa stagione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui