Ripresa scuola, le parole di Toti contro l’Azzolina: “Bambini senza banchi, scrivono in ginocchio”

61

 

“Cara Azzolina, questi sono gli alunni di una classe genovese, che scrivono in ginocchio perché non hanno i banchi che avevate promesso”. Così Giovanni Toti commenta l’immagine shock arrivata da una scuola genovese in cui i bambini non solo non hanno trovato i famosi banchi a rotelle, ma neanche quelli normali, al punto da essere costretti a sostituirli con delle sedie. “E non sarebbero gli unici purtroppo – ha aggiunto il governatore della Liguria – i nostri bambini, le maestre e le famiglie non meritano questo trattamento, soprattutto dopo i sacrifici fatti in questi mesi in cui era anche un dovere morale lavorare per evitare tutto questo”. E invece la ripartenza della scuola non è andata come promesso, anzi, sono molte le problematiche emerse tra banchi e mascherine: “Io lo trovo inaccettabile – ha dichiarato Toti – e sto già scrivendo una lettera alla direzione scolastica per intervenire immediatamente. Un’immagine come questa non è degna di un Paese civile come l’Italia”. Come dargli torto?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui