Roberto Talotta: arriva lo Sherlock Holmes delle cacche canine!

Contro il dilagare del preoccupante fenomeno di inciviltà, l'esponente di FondAzione propone la mappatura genetica dei cani

1289

A.A.A. Esperto in dna canino cercasi.

L’ultima trovata della sgangherata coalizione amministrativa, di fronte allo sfacelo evidente della città, è quella di mappare la cacca dei fedeli quattrozampe per risalire al padrone e, di conseguenza, elevare una bella multa a chi non controlla a dovere le deiezioni del proprio animaletto.

Sembra uno degli scherzi attualmente più quotati sulla trasmissione radiofonica “Tutti pazzi per Rds”ma, in realtà, è l’ultima singolare trovata di Roberto Talotta, esponente del direttivo comunale di FondAzione che, di fronte a strade che sprofondano, scarsa sicurezza e palazzi che crollano preferisce pensare alla “merda”: questa quantità abnorme di escrementi animali che hanno invaso la nostra città.”

Un problema che, nella Città dei Papi sembra aver assunto, a sentire le sue parole, proporzioni altamente preoccupanti, tanto da rappresentare “un vero problema igienico-sanitario e di contrasto al decoro“.

I poveri malcapitati che hanno la sfortuna di incappare in questi souvenir arrivano ad assumere, quasi, le sembianze, di veri e propri untori che: “sporcano i pavimenti delle scuole, degli uffici pubblici, delle chiese, dei negozi, ecc. ecc.; basti pensare ai bambini che giocano nei parchi pubblici e si imbrattano con questi escrementi, portando a casa microbi e puzza.”

Insomma, una tragedia di dimensioni immani per contrastare la quale, fortunatamente, arriva FondAzione che si erge a paladina dei diritti di tutti i cittadini, soprattutto quelli appartenenti “alle fasce più esposte, quali bambini, ipovedenti e anziani”.

Contro gli incivili, rei di attentare alla salute pubblica, “sicuri di farla franca dal punto di vista sanzionatorio”, Talotta-Sherlock Holmes propone una soluzione rivoluzionaria: “la mappatura genetica dei cani presenti sul territorio, con relativi provvedimenti tesi a rintracciare e sanzionare pesantemente le persone incivili e villane che non raccolgono gli escrementi dei propri animali da compagnia.”

Viterbesi maleducati è ora di smetterla di insudiciare la città: d’ora in poi gli investigatori delle cacche canine saranno in agguato, pronti a difendere la pulizia e la salute di tutti.

Anche Santucci e l’assessore Mancini sono avvisati: se proprietari di cani stiano attenti ai ricordini lasciati in giro impunemente dai loro amati quattrozampe: il loro collega Talotta non fa sconti a nessuno!

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui