Intanto i comitati dei pendolari continuano a denunciare disagi, disservizi e corse saltate

Roma Nord, la Regione annuncia l’acquisto di sei nuovi treni

188

Negli ultimi giorni i comitati dei pendolari della Tuscia, che quotidianamente cercano di arrivare in treno a Roma per recarsi al lavoro, hanno più volte stigmatizzato le tante criticità: disagi, disservizi vari e corse saltate.

Una situazione che, almeno stando all’annuncio della Regione, dovrebbe migliorare nei prossimi mesi.

Sia per l’arrivo di nuovi treni che per il passaggio della gestione da Atac a Cotral e Astral. Subentro che dovrebbe avvenire a luglio 2022.

Per quanto riguarda i nuovi convogli, l’assessore regionale alla Mobilità Mauro Alessandri comunica che “è stato firmato l’accordo quadro, dal valore complessivo di 251 milioni di euro, che permetterà l’acquisto di 35 nuovi treni. Contestualmente la Regione ha siglato anche il primo contratto applicativo, dal valore di 100 milioni, grazie al quale sono stati già acquistati i primi 11 mezzi: 5 per la Roma-Lido e 6 per la Roma-Viterbo”.

Per l’assessore si tratta di “un fatto storico che ci aiuterà nella gestione della Roma-Lido e della Roma-Viterbo, due infrastrutture che ogni giorno sono al servizio di migliaia di cittadini del Lazio e non solo”.

In attesa del passaggio definitivo della gestione a Cotral e Astral a luglio “in questi mesi perdurerà la fase di affiancamento e di formazione, tra le aziende coinvolte, al fine di permettere lo scambio delle reciproche competenze e di vagliare al contempo ogni modalità utile ad offrire un servizio che, nei prossimi mesi, intendiamo migliorare in maniera evidente e nel lungo periodo, anche attraverso il graduale arrivo di nuovi mezzi, trasformare in un trasporto pubblico all’altezza delle aspettative di cittadini e turisti e degli standard che da sempre avrebbe meritato” conclude Alessandri.

Si spera che davvero sia la volta buona per trasformare delle infrastrutture ferroviarie, ritenute le peggiori del Lazio, in un trasporto adeguato alle esigenze, soprattutto dei numerosi pendolari giornalieri, e degno del 2022.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui