Roma-Viterbo, da luglio la gestione della ferrovia passa da Atac ad Astral e Cotral

La speranza è che rappresenti un reale cambio di passo su una delle linee più disastrate del Lazio

219
ferrovia

Il passaggio delle ferrovie ex concesse, tra cui la Roma-Viterbo, sembra ormai realtà.

Se ne era parlato già qualche tempo fa ma le tempistiche, spesso annunciate ufficialmente ma altrettanto spesso oggetto poi di posticipi, lasciavano il dubbio sul rispetto dei tempi fissati.

Ma ora ci siamo. O almeno ci saremo dal 1° luglio, fermo restando il beneficio del dubbio.

In attesa del passaggio della gestione delle ex ferrovie concesse – Roma-Viterbo e Roma-Lido – la Direzione regionale Mobilità e le società regionali Astral e Cotral, di intesa con Atac, hanno intanto inviato alle organizzazioni sindacali il numero dei lavoratori che dal primo luglio saranno assorbiti dalle società regionali.

A darne notizia l’assessore alla Mobilità Mauro Alessandri che sottolinea come la Regione, oltre ad aver ottemperato all’obbligo di legge che prevede di inviare la comunicazione entro 25 giorni dalla cessione, “abbia fatto un importantissimo passo in avanti rispettando le date del cronoprogramma”. “Siamo dunque in dirittura d’arrivo per iniziare a gestire la Roma – Viterbo e la Roma – Lido, due linee che ogni giorno sono utilizzate da migliaia di pendolari che si spostano all’interno della nostra regione e che ci auguriamo possano usufruire di un servizio all’altezza” conclude Alessandri.

Un auspicio sicuramente condiviso dai molti lavoratori viterbesi che quotidianamente lamentano disservizi, ritardi, soppressione di convogli su una linea ferroviaria talmente vetusta da assomigliare più a una tradotta che a un servizio di trasporto passeggeri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui